Depilazione dolce

 

ingredienti ceretta

Ceretta.

Non è una cosa bella e piango al solo pensiero.

Vi racconterò dell’anno scorso, un momento di panico in cui qualcuno, sicuramente cthulhu, mi ha chiesto di *passare un pomeriggio al mare* (lol).

Il mio odio per la sabbia, il caldo e le persone è quasi paragonabile al disprezzo provato ravanando tra gli scaffali in cerca un prodotto depilatorio che non fosse cera.

Tu! Donna che leggerai storcendo il naso.. lo ammetto, per me la depilazione è superflua. Me ne ricordo solo in occasioni particolari, in cui devo stoicamente abbandonare i leggins per mostrare le gambe.

Dopo svariate ore di ricerca ho comprato una cosa simile, non riesco a ritrovare l’originale, ma l’inci era uguale con l’aggiunta di qualche o.e. rinfrescante.

Nonostante mi ci sia trovata immensamente bene, sono tanto venale quanto bassa e, leggendo gli ingredienti, ho immediatamente pensato allo scherzone.. 350 gr di zucchero per 11 euro? No, dai :D

Da li l’esperimento di rifarla in casa.

La ricetta che uso io è più o meno questa (cambiano a volte il tempo di cottura e la densità)

500 gr di zucchero
50 gr di succo di limone
80 gr acqua
2 cucchiai di miele
3/4 gocce di o.e. di menta a prodotto finito (ma si possono tranquillamente omettere)

ceretta3

Metto zucchero, limone, acqua e miele sul fuoco lasciando cuocere 15/20 minuti, fino ad ottenere un composto scuro color caramello.

Invasetto, lascio freddare ed è pronta. Dura praticamente in eterno, ma con queste quantità ci farete 2/3 cerette al massimo. Per riutilizzarla una volta fredda basta lasciarla qualche minuto a bagnomaria mescolandola con frequenza.

ceretta1

La consistenza che si deve raggiungere è più o meno questa, non troppo liquida da passare attraverso le pezze, ma nemmeno così dura da asciugarsi subito. Attente anche al calore, deve essere calda ma non scottare. La consistenza perfetta si capisce quando, una volta tiepida, risulta mordida e malleabile anche a mano.

ceretta2

Per stenderla si possono usare sia le strisce in cotone non cotone che rettangoli di cotone resistente.

Io utilizzo questi ultimi e li riutilizzo più volte, lavandoli tra una ceretta è l’altra.

I pro della ceretta allo zucchero sono tanti: irrita meno, non sporca, si lava via facilmente con acqua, si può usare anche su zone delicate e non lascia i segni della ceretta tradizionale (capillari rotti, lividi ecc)

Il contro è che se non si trova la consistenza adatta (le prime volte succede) non si riescono a strappare i peletti più corti e va ripetuta più volte.

Spero si riesca a capire dalle foto la densità che deve raggiungere la cera, nel caso provare con una piccola quantità ricordandovi solo di non fare il caramello :D

Annunci

5 pensieri su “Depilazione dolce

    • E’ veramente facile e ti evita di diventare una palla di cera untuosa :D Puoi anche provare a farne poco e seguire la proporzione 1/4 limone/zucchero. Io ne faccio un chilo per volta perché è praticamente eterna.

  1. Figata! ma si può usare stendendola sulla pelle e passando poi la striscia?(ovviamente intendo quelle che vendono per le estetiste, non quelle di cotone). Forse è una domanda idiota ma non potevo esimermi dal farla :D

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...