Soap Session – Vin Brulè e Soffio di seta

Ho risaponificato! Non che la cosa possa entusiasmare qualcuno, ma mi mancava parecchio, era da inizio autunno che non ne facevo uno.
Il risultato visivo è un po’ discutibile, almeno uno, però sono soddisfatta delle ricette, sicuramente da rifare con altri additivi.

saponevinbrulèseta

Sapone al vin brulè

Mi ossessionava da almeno sei mesi, avevo già provato un sapone al nocino con miserrimi risultati. Questo è venuto, di colore incerto e con qualche inserto di un sapone al karitè e vaniglia. Si è indurito in meno di tre giorni, nonostante lo stampo mono, ho usato una formula senza strutto e derivati animali.

Per 450gr di grassi
Olio d’oliva 180
Olio di cocco 90
Olio di babassu 45
Burro di karitè 68
Burro di cacao 45
Olio di ricino 22
Riduzione di vin brulè filtrata (ricetta classica con spezie e buccia d’arancia) 150
NaOH 66
Sconto soda 6
Al nastro:
Pezzi di sapone oliva e karitè (50/50)
Fragranza vaniglia

Il risultato è bislacco, si scurisce man mano e diventa sempre più cupo, più rosso rispetto alla foto. Fa una schiuma fantastica, l’odore di spezie si è perso, è rimasto solo quello della fragranza. Non ho voluto aggiungere spezie o oli essenziali speziati perché potenzialmente irritanti (basta erbe nei saponi, sembra di lavarsi con una grattugia).
Da rifare, a stampo unico e senza inserti avrebbe reso meglio.

Sapone Soffio di seta

La ricetta è scrausissima 60% olio e.v.o, 40% burro di karitè, sconto al 7%.
Ho sciolto la seta alla soluzione di soda e al nastro aggiunti 1% di sodio lattato (percentuale calcolata sui grassi) e un cucchiaio di ossido di zinco, stemperato in poco olio della fase grassa.
Fragranza mediterraneo, circa 20ml per chilo di grassi.
Non ci avrei scommesso niente, è venuto ultra bianco, sodo, fa schiuma e la combo ossido di zinco e perla lasciano la pelle setosissima.
Questo potrei azzardarmi ad usarlo per il viso, per il momento è in rodaggio come sapone mani e non secca particolarmente.
Vi aggiornerò tra qualche mese, l’ho trattato quasi come un whipped, tutto a freddo e con i grassi parzialmente montati, quindi necessita almeno di tre mesi di stagionatura per poter essere valutato con criterio.

Alla prossima, spero non lontanissima, Soap Session ^_^

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...