Lemon Drop – Crema mani vitaminica

In questo periodo ho le mani distrutte, non è tanto il freddo, quanto la secchezza che mi accompagna sempre. Odio le creme pesanti, quelle che ci impiegano ore ad assorbirsi e fanno lasciare impronte ovunque, quindi ho provato a fare una crema con una quota media di grassi, leggera e assorbibile.
Si presenta molto morbida appena fatta, addensa completamente nel giro di una settimana.

cremamanivit

Fase A
Acqua a 100
Glicerina 5
Xantana 0.2
Fosfatidilcolina 1.5
Fase B
Metilglucosio sesquistearato 2
Metilglucosio distearato 1
Alcool cetilico 0.5
Cetil palmitato 0.3
Ottildodecanolo 0.5
Coco silicone 1
Olio di argan 2
Olio di macadamia 2
Caprilico caprico trigliceride 2
Tocoferolo 1
Olio di cacao 0.5
Burro di karitè 1
Burro di cacao 0.5
Fase B2 (a 60°)
Ethylhexyl stearate 1.2
Carbopol ultrez 21 0.3
Fase C
Oleolito di calendula in olio di riso 1.5
Bisabololo 0.5
Dryflo 0.5
SAP 0.5
Pantenolo 1
Soluzione di sodio jaluronato al 2% 3
Niacinamide 2
Sk-influx 1.5
Aquashuttle 2
Liposomi multivitaminici 3
Phenonip 0.5
Oe lavandino 5gt, oe limone 5gt, oe arancio 4gt, oe pompelmo 3gt, oe petit grain 1gt, fragranza vaniglia 3gt, fragranza fico 3gt (gli oe di agrumi sono fotosensibilizzanti, non vi esponete al sole dopo l’uso)

Stempero xantana e allantoina nella glicerina e aggiungo acqua poco alla volta, mescolando dopo ogni aggiunta. In questo modo vi si formerà subito il gel.
Lo lascio a riposo per un paio d’ore, tempo che la gomma si idrati perfettamente e aggiungo la fosfatidilcolina spezzettata. La lascio a bagno per un’altra ora, scaldo l’acqua e frullo fino a completa omogeneizzazione.

Disperdo subito il Carpobol nell’estere, il dryflo negli oli e conservante, sciolgo il SAP in un grammo d’acqua sottratta alla fase A, mettendoli da parte.

Scaldo entrambe le fasi, la B a bagnomaria, la a nel micronde. Una volta raggiunti i 70° verso metà dei grassi  sulla fase acquosa, frullo, mescolo e aggiungo l’altra metà, rifrullando. Il tutto deve durare non più di due minuti. A 60° aggiungo il composto di olio/carbomer, mescolo e frullo molto bene, circa un minuto.

Da questo punto in poi inizio a mescolare la crema continuamente fino a completo raffreddamento.

A 30/35° aggiungo dryflo stemperato negli oli, rifrullo pochissimo e aggiungo nell’ordine:
SAP per addensare il carbopol, è una sostanza basica e mi permette di non utilizzare soda. Ne aggiungo metà, controllo il ph e procedo con l’altra metà. Dovrebbe addensarsi subito, in ogni modo ricontrollo il ph, perchè non sia troppo alto (deve risultare 6).
Pantenolo goccia a goccia, mescolando bene dopo ogni aggiunta.
Soluzione di sodio jaluronato solo mescolando.
Niacinamide dopo aver ricontrollato il ph, che nel mio caso era a 6. La niacinamide va sempre aggiunta tra una forbice di ph 5 e ph 7, ph troppo acidi o basici si sviluppa acido nicotico, irritantissimo per la cute.
Ultima frullata a crema ormai fredda, facendo attenzione a non incorporare troppe bolle e aggiunta, solo mescolando degli ultimi attivi Sk-influx e Liposomi multivitaminici. Questi non vanno assolutamente frullati, o rovinereste irrimediabilmente l’attivo e vi ossiderebbe la crema in pochissimo tempo).

La spiegazione degli attivi è presto fatta, pantenolo, tocoferolo, ceramidi e liposomi multivit. aiutano a tenere a bada i graffi, hanno un effetto blandamente curativo, aiutando il rinnovamento cellulare. Non miracoli sia chiaro. Per vedersi effetti più rapidi consiglio la crema per psoriasi. Allantoina, bisabololo e oleolito (ammetto che possa essere poesia a quella %) sono lenitivi, aiutano la pelle a sfiammare piccole irritazioni. Sodio jaluronato, Aquashuttle,  fosfatidilcolina e glicerina sono idratanti, il primo ha un effetto blandamente cicatrizzante, ma in questo caso l’ho inserito solo per la sua funzione primaria.

cremamanivitamine

La crema si assorbe subito, non fa scia, e si può usare anche fuori casa senza pericolo di ungere nulla. Se usata con costanza ammorbidisce, non ai livelli di una crema all’urea, ma sembra riesca a risanare i graffi abbastanza bene. Profuma tantissimo, se non vi piacciono gli odori forti/agrumati cambiatela p lasciatela anche senza profumazione (il bisabololo profuma pochissimo, ma riesce a coprire bene la fosfatidilcolina).

Che ve ne pare? Che creme mani usate di solito? A me è venuta la fissa spignattando, prima usavo qualsiasi cosa mi capitasse a tiro.
Alla prossima!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...