Fluido corpo Lenidrata

Ho provato a fare questo esperimento per una persona con un problema di secchezza cutanea media, screpolature, graffi con difficoltà a rimarginarsi, pelle mediamente reattiva.
Avrei potuto rifilarle la coadiuvante per psoriasi ma, conoscendola, l’avrebbe usata due volte e abbandonata perché troppo pesante e di lungo assorbimento.

cremafluidalenidrata

Mi sono rimessa al lavoro per cercare di capire come fare una crema medio/leggera, molto idratante, leggermente lenitiva, che facesse la minore scia possibile. Dovendo per forza inserire il lattato ho eliminato subito il carbomer dalle opzioni gelificazione e ho optato per una crema fluida (da dispenser), colabile, ma molto densa.
Mi sono giocata la carta abilcare perché xantana e cetilico sono un’accoppiata mortale e garanzia di scia, con questo trucco si dovrebbe limitare il problema al minimo.

Fase A
acqua a 100
xantana 0.2
glicerina 6
allantoina 0.2
Fase B
ottildodecanolo 0.3
ethylhexyl stearate 0.7
coco caprylate 0.5
olio di riso 2
caprilico caprico 1
olio di macadamia 2
olio di cacao 1.5
tocoferolo 1
burro di karitè 1
kokum 0.5
metilglucosio sesquistearato 2
metilglucosio distearato 1
alcool cetilico 0.5
cetil palmitato 0.3
Fase C
abil care 0.5
olio di rosa mosqueta 1.5
bisabololo 0.5
dryflo 0.5
sodio jaluronato alto/medio/basso 2% 2
pantenolo 1
sodio lattato 60% 2
acidi grassi della frutta qb*
niacinamide 2
sk-influx 2
acqua shuttle 1.5
phenonip 0.5
colore qb
fragranza ipoallergenica al miele qb

Ho stemperato la xantana nella glicerina, aggiunto allantoina e acqua, poca alla volta per non creare grumi. Ho lasciato il gel a riposo qualche ora e preparato il bagnomaria per emulsionanti e grassi.
In attesa che il gel fosse pronto ho preparato tutti gli attivi, stemperato il dryflo in mosqueta e bisabolo e aggiunto abilcare (non so se questo sia il procedimento corretto per l’aggiunta dell’abilcare, se volete essere sicuri aggiungetelo in B a caldo).
Portate le due fasi a temperatura ho versato la fase lipo su quella idro, mescolando e frullando a più riprese.
Una volta emulsionata e raggiunta la temperatura di 35/40° ho aggiunto gli oli rimasti, pantenolo, sodio jaluronato, sempre mescolando e frullando tra un’aggiunta e l’altra.
Inserito il sodio lattato ho dovuto frullare a lungo per riottenere una buona densità (il lattato tende a sfasciare tutto).
Prima di inserire la niacinamide ho controllato il ph (6.5/7), dovendo portare la crema a 5.5/6 e avendo sotto mano gli acidi grassi ho usato quelli, goccia a goccia, ricontrollando il ph a ogni aggiunta.
Ottenuto il ph desiderato ho prelevato una parte di crema, ci ho sciolto l’allantoina e l’ho aggiunto la miscela alla crema.
Per ultimi ceramidi, acquashuttle e phenonip, solo mescolando.

Il mix distearato e sesquistearato ha reso la crema particolarmente fondente, grazie all’abil nessuna scia, si asciuga rapidamente e lascia la pelle nutrita per diverse ore.
Per la cascata penso si potesse fare meglio, aggiungere qualche olio ricco di omega3, ma li avevo finiti e ho dovuto optare solo per il mosqueta (vit. c).
La rifarò sicuramente facendo qualche sostituzione con canapa, avocado e cumino. Il sodio jaluronato si può usare all’1% come in normale soluzione.

Per lenire ho usato bisabololo, allantoina e niacinamide. Lattato, sodio jaluronato e acquashuttle per idratare e vitamine (E, D, C) e ceramidi per aiutare i tessuti danneggiati. Se non vi preoccupa la questione scia (con la xantana a 0.2 sarebbe comunque poca) eliminate l’abilcare.

Spero vi sia piaciuta ^_^ e che qualcuno prima o poi provi a riprodurne una :D

Alla prossima!

Annunci

4 pensieri su “Fluido corpo Lenidrata

  1. mi son sempre chiesta come mai molti brand (bio) che producono creme corpo non riescano ad eliminare la scia…magari c’è qualche perdita nella consistenza o nella qualità? o non c’è un degno sostituto della xantana? (che comunque è il più usato vedo). illuminami *_*

    • in questa c’è il silicone :D che la annienta.
      comunque la scia te la fanno gli autoemulsionanti, il cetilico alto abbinato a xantana alta, polimeri e gomme non fatti idratare e aprire correttamente.. e altre trecento fattori che sicuramente non conosco. per evitare l’effetto sbavata di cane di solito si mixano i gelificanti e si lavora su cascata di cere e oli.
      di gelificanti naturali ce ne sarebbero un miliardo, io li conosco poco e non li uso tanto, dovresti guardare la roba di john masters e di biofficina toscana, fanno dei bei mix (ma quasi solo roba fluida :3)

      • si si parlavo in generale dei brand bio dove ho notato molto questa cosa, la tua crema è stata lo spunto di riflessione :)

        ora capisco perchè le creme di biofficina sono liquidissime, vedi!! XD

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...