Rivenditori, una breve guida – Parte 1: Aroma-Zone

Sito francese di materie prime cosmetiche, prodotti finiti e altre cianfrusaglie generiche.

aromacopertina

Ho comprato da loro diverse volte, in diversi periodi dell’anno, la qualità della spedizione è sempre la stessa: pessima.
Parto da questo punto perchè, per quello che mi riguarda, una corretta igiene e un imballaggio adeguato sono punti fondamentali per la fiducia che rilascio a un fornitore.
Le foto sono dell’ultimo ordine, ma per me questa è sempre stata la prassi, se non peggiore.
Gli oggetti vengono imballati alla rinfusa in uno scatolone, i contenitori in fondo come a fare “da cuscinetto” alle materie prime, in cima mettono un foglio di carta da pacchi arrotolato.

aroma6

Apro il pacco pensando “bene” (no.) e trovo le polveri imbustate in un sacchetto di plastica trasparente, alcuni contenitori hanno perso contenuto, invadendo bustina e pacco.
In questo caso ho trovato carragenine e silica ovunque.
Mi è capitato in un’altra occasione di trovare una bottiglia d’olio completamente rovesciata. O
contenitori di pigmenti chiusi male con colore sparso ovunque.

aroma3

Con il servizio clienti mi sono trovata bene, li ho trovati veloci, puntuali, gentili e comprensibili. La comunicazione è sempre avvenuta in francese, non so se un gap linguistico possa influire. Non credo lavorino il fine-settimana, quindi se non vi rispondono il venerdì pomeriggio non andate nel panico e aspettate un paio di giorni.
Mi hanno sempre sostituito gli oggetti difettati e la volta in cui mi sono dimenticata di inserire un prodotto, facendo richiesta, me l’hanno spedito senza dover pagare la differenza. Con queste cose si fanno quasi perdonare la spedizione. Quasi.
Il pacco è spedito con corriere, tramite fedex, arriva in 5/8 giorni.

aroma1

La selezione delle materie prime è discreta, molto vasta, i tagli sono piccoli e tendenzialmente costosi.
Gli oli possono andare dal buono al rancido, a seconda della campionatura, evitate di comprarli in estate perchè tra il caldo, la pecca della spedizione e la loro gestione del magazzino potrebbe capitarvi un olio da buttare. L’anno scorso ho avuto la brillante idea di ordinare un mosqueta in luglio ed è arrivato in condizioni pessime.
I tagli sono sono da 100ml, alcuni più rari da 30ml, e hanno di ogni olio la versione sampler di 10ml.
Una volta erano i “berlingot”, adesso hanno cambiato nome e confezione e li trovate sotto la voce “flacons dosettes”, flaconcini con contagocce, un po’ più pratici rispetto alla bustina da travasare. Sono carini se volete provare oli particolari, ma non fate troppo affidamento sulla loro durata, irrancidiscono alla velocità della luce e sono sicuramente meno “freschi” dei flaconi da 100ml.
Li ho sempre comprati con l’idea di usarli entro un paio di mesi, testarne l’effetto il tempo necessario per valutarli e riprenderli in formato standard.

aroma7

Hanno cinque oli sintetici (esteri, passatemi il termine olio), li trovate sotto la voce “Agents de textures, Emollients, Supports et Correcteurs de pH”: dodecane, dicaprylyl carbonate, caprilico caprico trigliceride, coco-caprylate, isopropyl myristate, garantisco su tutti a parte primo e ultimo che non ho mai provato. Coco-caprylate e caprilico sono la base di mezza auto-produzione cosmetica, quindi vi suggerirei di prenderli.
I burri sono di ottima qualità, la scelta è molto varia (il Sal credo si trovi solo da loro) e a prezzi medi. Da prendere karitè Nilotica, sal e kokum. Il resto lo trovate più o meno ovunque, a prezzi simili o inferiori.
Di quasi tutte le materie prime vegetali viene garantita l’opzione bio.

Gli idrolati sono buonissimi, sempre andando un po’ a fortuna, gli ultimi che ho preso (camomilla, rosa, carota) sono veramente ottimi. Il loro idrolato di rosa è tra i migliori che abbia mai provato.
Per altre informazioni vi rimando qua, non tutte le acque profumate hanno l’odore della pianta che si è abituati a conoscere, quindi vi consiglio una lettura rapida prima di acquistarli.
Oli essenziali discreti, purtroppo ne ho provati pochissimi, ma per quel poco che ho annusato sono molto meglio di quelli di Manske. Il prezzo non è altissimo e rendono molto bene anche nei saponi. Per saponificare ho provato solo agrumi, la resa rispetto al sito tedesco è molto più alta.

aroma2

Lasciate assolutamente perdere gli estratti vegetali, quelli in polvere non sono estratti secchi, ma erbe macinate, gli altri sono idroglicerinati e di bassissima qualità. L’unico vero estratto secco che hanno è quello di bardana.
Alcuni possono essere utilizzati come scrub leggeri o in tonici una tantum (sarebbe un’infusione comune e ossiderebbe in poco tempo), ma non fate affidamento sulle proprietà del prodotto in purezza, perché è come se vi lavaste con l’erba secca. Per essere funzionali e durevoli andrebbero tutti rilavorati con un solvente (glicole propilenico, alcool, glicerina).
Hanno l’estratto di acmella oleracea, il Relax’rides, un estratto antirughe rispettabilissimo.
Nell’ultimo ordine ho inserito estratti CO2 di carota, camomilla e calendula, sulla qualità non posso ancora esprimermi, ma saranno presto testati in un doposole.

aroma4

Hanno un numero discreto emulsionanti, più costosi rispetto alla media e di tagli piccoli (30/100gr). Sono tutti validi tranne lecitina (non è lisolecitina, è quella granulare sciolta nell’olio, potete farla in casa tranquillamente), ester de sucre e gelisucre. Per gli altri si trova un impiego, ma quei tre sono veramente la sintesi della disgrazia. Attenzione all’Émulsifiant MF, alcuni lo trovano irritante.
Se si è alle prime armi per i balsami è meglio prendere il “BTMS”, il suo compagno “Conditioner
Emulsifier” è un po’ più laborioso (vedi ricetta qua). Il primo mi piace tantissimo, è a livello del behentrimonium chloride, il secondo devo ancora testarlo decentemente.
Non fidatevi mai delle loro percentuali d’uso, sono rinomati per essere completamente incapaci di formulare, basta guardare le foto dei prodotti. Cercate le schede vere, del produttore o di altri rivenditori.

aroma5

Le cere sono tutte… cere? Buone, non ho mai provato articoli vezzosi tipo rosa, tuberosa ecc, possono essere carini per fare burricacao vegan. I gelificanti sono pochi, carragenine da prendere, tutto il resto nella media. Non hanno gelificanti di sintesi. Trovate tutto sotto “cires et gommes

Salto argille, sali, esfolianti, tutti buoni e tutti inutili, non sono la cosa “da avere per forza” se iniziate avete iniziato a spignattare oggi e si trovano su altri 300 siti, però sono uno dei pochi motivi per cui continuo a comprare da loro.

Attivi, il grande LOL di Aroma-Zone.
Leggete l’inci di tutto quello che volete comprare perchè AZ è infido, vi spaccia come ceramidi cose che ceramidi non sono, allunga il tocoferolo, vende brodaglie vegetali tanto poetiche quanto inutili, però alcune cose valide si trovano.
Sodio jaluronato, D-pantenolo, allantoina, caffeina, urea, mentolo e proteine varie sono quello che dicono di essere. Bisabolo, Q10 e tocoferolo no, o meglio lo sono, ma vengono allungati o pre-dispersi, di conseguenza sono meno concentrati (e molto più cari) rispetto ad altri fornitori.
Non vi faccio la lista, ma leggete la scheda e cercate in rete informazioni su cosa state realmente comprando, perchè il pacco è facile.
Come conservante hanno solo il Cosgard, lo so che ne vedete almeno altri 4, ma o non conservano o lo fanno male o possono causare reazioni di sensibilizzazione. I semi di pompelmo sono una cagata pazzasca, Naticide e Leucidal mi lasciano perplessa (oltretutto per il secondo è consigliato un range di utilizzo dallo 0.5 al 3%.. what?). Non ho mai usato l’accoppiata sorbato/benzoato e mai la userò. Non utilizzate mai i conservanti a gocce come consiglia il sito, pesateli sempre.

aroma8

Un punto a favore per i contenitori, carini e quasi tutti funzionali, è uno tra i pochi siti che li vende a prezzi umani.
Come per i resto dei prodotti che vendono vi può capitare il fallato, io ho sempre preso prodotti for dummies, barattoli, flaconi simil cinesi, spruzzini.. non cose che richiedessero un’alta esperienza ingegneristica.

In definitiva lo considero un sito discreto dove acquistare, la qualità va a fortuna e non è nell’olimpo dei miei fornitori, mi servo da loro quasi solo per le frivolezze, lasciando gli ordini seri ad altri portali.

Spero di essere stata utile, se avete qualche domanda potete scrivere qua o alla pagina fb.

Alla prossima

Annunci

3 pensieri su “Rivenditori, una breve guida – Parte 1: Aroma-Zone

  1. Sono sempre Barbara, un po alla volta dirante il viaggio che faccio in vaporetto (lavoro al lido di venezia) mi sto leggendo tutto il tuo sito, per cui mi troverai a commentare ancora :) ogni volta che leggo di aromazone e dei suoi prodotti provo “invidia” perché purtroppo non ordino mai da siti stranieri, conosco sia l’inglese che il francese che il tedesco, ma poco e male, e siccome voglio sempre capire cosa compro, ci ho dovuto rinunciare 😢😢, sai cosa avrei sempre voluto? I due burri più introvabili della terra SAL e KOKUM, compro solo da glamour cosmetics e da vernile, che hanno quasi tutto, ma ahimè sti burri nada!!! hanno anche alcuni emulsionanti per me introvabili, vabbè vivrò lo stesso 😉ciao e scusami se non sono i commenti che ti aspetteresti ciao

    • Guarda che Aroma-Zone è un pacco, hanno 3000 cose inutili.. Sono sopravvissuta senza comprare personalmente da loro per un anno (se mi serviva qualcosa mi accodavo a un collettivo), ma se riesci a reperire il Sal prendilo perché ne vale la pena.
      Il sito comunque è abbastanza intuitivo, è tutto diviso in categorie, puoi farti una lista delle cose che hanno solo loro e ordinare unicamente quelle. Le informazioni si trovano anche su siti italiani, se ti serve leggere le loro schede alle brutte puoi usare il traduttore. Tutti i dettagli tecnici utili sono scritti sulle prime 10 righe, il resto si può saltare e spesso è anche sbagliato (percentuali d’uso scritte a caso).

      • Il SAL l’ho cercato in tutti i siti italiani che vendono materie prime, e come ti dicevo é irreperibile, ne avevo sentito parlare sul forum di lola, anche del kokum, saranno anche intuitivi, ma non mi metto proprio coi siti stranieri, per cui pace. Ciao a presto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...