Balsamo struccante e detergente viso delicato

struccantedetergente1

Come vi avevo già anticipato su Facebook qualche giorno fa, stavo tentando di fare un latte detergente utilizzando una percentuale di emulsionante cationico.
Perché? Scioglie il trucco molto, molto meglio rispetto alle creme struccanti classiche. Non è una novità e trovate esempi qui e qui.
Sono sorti due problemi: incompatibilità dei condizionanti con tremila sostanze e densità.
La prima è stata vinta (nel latte detergente vanno due cose in croce), la seconda ancora no, e il balsamo si presenta come una crema abbastanza densa. Non c’è stato verso di ottenere la consistenza simil-latte, quindi mi sono arresa, momentaneamente, a tenerla come crema.

Balsamo detergente
Fase A
Esterquat 4
Olio di riso 10
Olio di girasole 5
Burro di karitè 2
Burro di cacao 1.5
Alcool cetilstearilico 1.5
Fase B
Acqua a 100
Glicerina 2
Gomma guar 0.5
Allantoina 0.3
Soda per pH 6
Fase C
Phenonip 0.5
Bisabololo 0.5
Fragranza Tuberosa Gc + Cherry Blossom Gf

Ho proceduto come al solito, disperdendo gomma e allantoina nella glicerina, creando il gel e frullando per uniformare.
Preparato la fase grassa, portato a temperatura entrambe le fasi e versato l’acquosa sui grassi, emulsionando.
Ho portato la crema a pH 6 con qualche goccia di soda, tende a ricottare, ma frullando torna a posto.
A crema fredda ho aggiunto gli ingredienti della fase C e invasettato.
Come vedete c’è qualche bolla, la prima prova era venuta perfetta e liscissima, ovviamente quella con gli “attivi” no. Portate pazienza, quando riuscirò ad ottenere la consistenza che voglio riuscirò a farla anche senza bolle (certo!).

struccantedetergente2

La consistenza è di una crema morbida, non colabile, potrebbe andare in un flacone airless, non in un flacone con cannuccia.
Lo uso alternato a un latte detergente “standard”, di cui metterò la ricetta a breve.
L’uso è come una qualsiasi crema detergente, la massaggio su tutto il viso, zona oculare compresa, rimuovo con una spugnetta e sciacquo.
Scioglie anche il trucco waterproof (mascara) senza dovermi scartavetrare gli occhi. A me non brucia per niente, ma forse per occhi estremamente delicati è meglio un bifasico.

Il suo meraviglioso potere scioglitrucco ha un contro, un orribile contro: essendo a base di esterquat lascia come una patina sul viso.
C’è chi sosterrebbe di sentire la pelle nutrita, io la trovo una sensazione molto fastidiosa e avendo la pelle mista devo lavare con sapone o detergente, pena ritrovarmi lucidissima la mattina dopo.

Per questo si è reso necessario farmi un detergente viso che non fosse un sapone. Non avendo molta esperienza con i detergenti l’ho copiata, ho preso questa ricetta e l’ho rifatta alla lettera:

Fase A:
Fruttosio 40.00
Acqua 18.00
Glicerina 5.00
Fase B:
Disodium Cocoamphodiacetate 4.00
Sodio Cocopoliglucosio Tartrato 4.00
Cocamidopropyl Betaine 8.00
Sodium Lauroyl Sarcosinate 12.00
Coco-Glucoside (and) Glyceryl Oleate 5.00
Perlante (GC-Pearl Glamour Cosmetics) 4.00
Fragranza Tuberosa GC + Cherry Blossom GF
Aggiustare pH

Dopo essermi sciacquata il viso dal balsamo lavo il viso con questo, fa una schiuma leggera e lascia la pelle pulita e morbidissima.
Sicuramente è un prodotto validissimo, io mi trovo molto bene e lo uso mattina e sera da circa un mese.

Spero che queste due ricette vi siano piaciute ^_^ Alla prossima!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...