Summer hair care: Vanilla, coconut & almond hair mask

So che l’estate è agli sgoccioli, quindi proporvi questi articoli ora può sembrare un controsenso. Ma ho pensato che potrebbero essere utili per chi si sta avvicinando allo spignatto arrivando da commerciali non (o quasi) eco-bio, quindi un po’ più leggeri e preformanti di tante ricette che trovate solitamente qua sopra.
Questa serie tratterà unicamente i prodotti per capelli utilizzati durante il periodo estivo, quindi balsami e maschere leggeri, shampoo delicati e prodotti per lo styling leggerissimi.

fapfap

Questo prodotto è nato da un momento di mestizia in cui non riuscivo più a reggere le mie maschere pre-shampoo zeppe di oli, quindi ho provato a formularne uno che non richiedesse un tempo di posa eccessivo e si lavasse facilmente.

Acqua a 100
Glicerina 5
Inulina 2
Miele 3
Gel ai semi di lino 10
Behentrimonium chloride 3
Alcool cetilstearilico 6
Olio di cocco 10
Olio di macadamia 5
Polyquaternium 7 0.5
Pantenolo 2
Proteine della seta quaternizzate 2
Phenonip 0.6
Profumazione: Cocco savon Glamour Cosmetics 8gtt, Oatmeal, milk and honey Gracefruit 8gtt, Vaniglia Glamour Cosmetics 4gtt
Acido lattico in sol. 80% qb per pH 4.5/5

La preparazione è davvero semplice, per prima cosa preparo un gel ai semi di lino, la densità non è importante, il lavoro addensante lo farà l’alcool cetilstearilico.
Metto tutta la fase acquosa in un pentolino sul fuoco e porto a 80°. Tolgo dal fuoco e aggiungo tutta la fase grassa, mescolando. In pochi secondi si scioglie l’alcool cetilstearilico (si capisce perché l’acqua diventa lattiginosa), a quel punto frullo fino a sbiancamento.
Metto il pentolino in una bacinella di acqua fredda e mescolo fino a raffreddamento. Quando è freddo aggiungo proteine, pantenolo, polyquaternium 7, conservante e fragranza.
Il conservante è leggermente più alto vista la presenza di miele e gel di semi di lino, sconsiglio di conservare con il cosgard. Se avete solo quel conservante potete omettere i due ingredienti e aggiungerne un cucchiaino solo alla porzione di maschera che vi spalmerete in testa.
Il prodotto è molto denso da subito, tenderà ad addensare ulteriormente i giorni successivi, diventando un po’ più densa di quella della Omnia.

Mi trovo benissimo ad utilizzare questo procedimento con i balsami, lo faccio da mesi e non ho mai avuto problemi di separazione o altro. Ho notato di recente che lo consiglia anche Lola per la preparazione del suo balsamo.

Sostituzioni:
Behentrimonium chloride e alcool cetilstearilico sono entrambi sostituibili con il Btms a 7 (verrà un po’ meno densa), se vi manca solo il behentrimonium chloride potete sostituirlo con l’esterquat, tenendo comunque presente che in entrambi i casi la maschera sarà meno districante.
Potete sostituire le proteine della seta quaternizzate con altre proteine (latte, miele), anche idrolizzate, tenendo presente che queste ultime tendono ad indurire di più il capello.

1

I miei capelli sono 2cFii e abbastanza lunghi, traduzione per chi non bazzica il forum di capelli di fata: li ho mossi a boccoli, molto fini e molto folti, lunghi circa 80cm.
Utilizzo questo balsamo surgrassato come una maschera, lo applico dopo lo shampoo sulle lunghezze tenendolo in posa 10/20 minuti. I capelli rimangono morbidissimi e disciplinati anche i giorni successivi al lavaggio, cosa che non mi capita con il balsamo che uso normalmente e con le maschere unte. Il prodotto si lava benissimo e non unge a patto di non applicarlo sulla cute.
Non mi ammazza assolutamente i boccoli, anzi rende i capelli più morbidi e pettinabili, meno cespugliosi quando mi sveglio al mattino.
La profumazione è molto dolce, sono partita da un cocco/vaniglia, la vaniglia speziata di Glamour Cosmetics, aggiungendo a prodotto già invasettato una punta di mandorla. Oatmeal, milk and honey a dispetto del nome non sa quasi per niente di miele, è una mandorla molto delicata e non troppo chimica. Il profumo finale del prodotto è molto dolce, sicuramente un po’ stucchevole se annusato dal barattolo, ma non fastidioso se tenuto in posa. Sono preponderanti vaniglia e cocco, si percepisce molto meno la mandorla, che si riconosce solo se si ha avuto modo di annusare la fragranza. L’odore rimane sui capelli anche un paio di giorni dopo il lavaggio.
Il grosso difetto del prodotto è che alla lunga il polyquaternium 7 potrebbe appesantire il capello, per questo credo che lo ometterò quando lo rifarò per l’inverno.

Dal papiro che ho scritto credo si sia capito che questa maschera mi sta piacendo parecchio e sicuramente sperimenterò altre varianti di maschere post shampoo.

Nel prossimo capitolo vi parlerò di shampoo e spray profumato, alla prossima ^_^

Annunci

2 pensieri su “Summer hair care: Vanilla, coconut & almond hair mask

  1. Ciao! Non ho capito perché il Cosgard non è indicato se si usano sostanze organiche come gel semi di lino e miele. Grazie !

    • Ciao! Sono due sostanze che danno problemi di conservazione. Li danno a prescindere dal conservante, ma col gsl e il Cosgard (e il caldo) gli spignatti hanno il timer. Nel gel per quanto si filtri bene rimangono residui, sono mucillagini e hanno una durata veramente esigua, io non sono mai riuscita a conservarlo per più di due/tre mesi. O usi un conservante potente o fai pochissima quantità di prodotto e lo smaltisci nel giro di poco tempo. Adesso che fa caldo ho abolito ingredienti problematici e li aggiungo alla maschera solo prima di farla.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...