Balsamo piedi menta e limone e sali per pediluvio

Ciao fanciulli!
Questi sono sali e crema piedi che sto utilizzando dopo aver terminato l’ultima comparsa sul blog.
L’ultima infornata, che è quella che vedete qua sotto, ha risentito di un invasettamento precoce, infatti ha qualche bollicina.
Parto dalla ricetta più semplice, quella dei sali per pediluvio. Ho usato una mica dorata che fa un po’ splendere l’acqua, è completamente inutile ma carinissima da vedere. In più faceva parte del corredo dei regali di Natale ed è sempre carino mettere qualcosa di sbrilluccicoso.

Sali per pediluvio

Sale fino e grosso 100gr
Mica dorata un cucchiaino
Oe limone 10grr, Oe salvia 5gtt, Oe rosmarino 3gtt, Oe menta 5gtt
Colorante blu in gel 1gtt

Servendomi di guanti in lattice ho versato tutti gli ingredienti in un recipiente, li ho lavorati, impastati qualche minuto e invasettato.

DSCN0109

Balsamo crema menta e limone
FASE A:
Acqua a 100 63.5 317
Glicerina 4.00
Gomma xantana normale 0.2
Carbopol Ultrez 21 0,30
Carbopol Ultrez 30 0.15
Allantoina 0.20
FASE B:
Ethylhexyl stearate 3,00
Olio di riso 2,00
Olio di avocado 3,00
Trietil citrato 2,00
Olio di cacao 1,00
Burro di kokum 2
Metilglucosio sesquistearato 3,00
Alcol cetilico 1,50
Silice micronizzata 0.5
Talco cosmetico 2

Tamponare con soluzione satura di arginina

FASE C:
Urea 10,00
Estratto glicolico di centella 2
Estratto glicolico di rusco 2
Pantenolo sol. 75% 1,00
Sodio jaluronato alto e basso peso molecolare in sol. 1% 3
Cosgard 0,60
Oe limome 10gtt, Oe menta 5gtt, Oe salvia 3gtt, Fragranza vaniglia 1gtt

Come si fa?
Il procedimento è abbastanza semplice, si preparano le fasi, avendo cura di stemperare molto bene le polveri negli oli, e si mettono entrambi i becher a bagnomaria. Quando la fase grassa è sciolta scaldo la fase acquosa al microonde qualche secondo per essere sicura di aver raggiunto la temperatura giusta.
Verso metà della fase grassa in quella acquosa, mescolo ed emulsiono, rimescolo un po’ con la spatola, aggiungo la restante fase grassa e rifrullo per terminare l’emulsione.
Mescolo con una spatola fino ad intiepidimento per fare sparire le bolle.
Tampono con una soluzione satura di arginina e passo alla fase c, versando l’urea a pioggia sulla crema, mescolando per farla sciogliere. Controllo il pH e lo porto a 5 con qualche goccia di acido lattico.
Aggiungo gli estratti e il pantenolo, lentamente, per non smontare ulteriormente la crema, mescolo e aggiungo la soluzione di sodio jaluronato, conservante e fragranza. Tra un’inserimento e l’altro mescolo sempre, terminate le aggiunte frullo brevemente un’ultima volta la crema per farle riacquistare densità. Come ultima cosa ricontrollo il pH, assicurandomi che sia ancora a 5, se non lo fosse lo abbasso con una goccia di acido lattico.

1

Ingredienti e sostituzioni:
Carbopol Ultrez 21 e Carbopol Ultrez 30: si può utilizzare un solo tipo di carbomer. Eviterei di gelificare usando solo xantana, la crema risulterebbe meno asciutta.
Trietil citrato: Batteriostatico. In combinazione con l’urea aiuta a mantenere costante il pH della crema rilasciando acido citrico. Per altre info.
Burro di kokum: è un burro duro e secco, l’ho utilizzato in cascata perché la crema non risultasse unta. Sostituibile con il Sal.
Silice micronizzata: sostituibile da Dry-Flo a 1 da inserire in c. Il prodotto verrà un po’ diverso ma ugualmente asciugante.
Talco cosmetico: indispensabile, aiuta a tenere i piedi asciutti.
Urea: indispensabile. Ha un effetto blandamente esfoliante.
Estratto glicolico di centella: migliora il micro-circolo.
Estratto glicolico di rusco: vasoprotettivo, anti-infiammattorio.

Uso e considerazioni:
Io non sono costante con i prodotti per i piedi, utilizzo questa crema 2 o 3 volte a settimana. Odio i prodotti che impiegano una vita ad asciugarsi o mi fanno sudare i piedi dopo averli messi. Questa fortunatamente non fa sudare, slittare e non si deve massaggiare mezz’ora perché si assorba.
A patto di non spalmarne troppa (una noce piccola è sufficiente) si asciuga in meno di due minuti e lascia i piedi asciutti e molto morbidi. L’odore è delicato e scompare nel giro di pochissimo tempo. La profumazione vira nel tempo, il limone tende a scomparire, quindi credo che la rifarò accoppiando la menta a una fragranza agrumata.
Sto già formulando una crema ancora più leggera per il periodo estivo, spero di riuscire a provarla e pubblicarla prima del prossimo dicembre :D In ogni caso spero che la ricetta vi sia piaciuta. Alla prossima!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...