Crema viso lenitiva alla liquirizia

Ciao a tutti!

Vi avevo promesso l’ultima puntata della serie sui capelli, ma causa implosione del pc e perdita di tutti i dati (argh) subirà un leggero ritardo. Recuperare il materiale perso richiederà un po’ di rogne, quindi abbiate pazienza, ma arriveranno anche le ricette dei prodotti che vi avevo anticipato su Facebook.

1

Sventure a parte eccomi qua con una nuova crema viso lenitiva, formulata sulla base della crema calendula e liquirizia postata qualche mese fa.
La mia pelle rispetto all’anno scorso è cambiata molto, ho meno imperfezioni e, salvo la fronte che continua a lucidarsi saltuariamente, il resto del viso tende al normale, a volte al secco. Mi serviva quindi un prodotto da giorno non eccessivamente corposo e pesante, che andasse ad idratare e a lenire le zone più irritabili e secche del mio viso, senza appesantire eccessivamente la fronte.
La crema originale era abbastanza pesante, pensata come crema notte e da utilizzare solo in caso di irritazione o rossori, questa è una versione più leggera ed è ottima se utilizzo un trucco in polvere o un fondotinta opaco per pelli secche che tende a seccare.
Per questo prodotto ho utilizzato un paio di polveri asciuganti che non si trovano attualmente in commercio, ma sono completamente sostituibili dalle polverine dei rivenditori nostrani.

Fase A
Acqua a 100
Gomma xantana normale 0.1
Glicerina 4
Allantoina 0.3
Carbopol ultrez 21 0.20
Carbopol ultrez 30 0.10
Fase B
Ethylhexyl stearate 1,5
Coco caprylate 1
Squalano sintetico 1
Olio di riso 0.5
Tocoferolo 0.5
Olio di cacao 1.5
Burro di Sal 0.5
Gc-Derm 4
Microsfere di silicone 0.70
Nylon-12 6-9 microns 0.30
Cellulose (and) Hydrogenated Lecithin 0.5
Fase C1
Olio di borragine 2
Bisabololo 0.5
Phenonip 0.5
Fase C2
Sk-Influx 3
Estratto glicolico liquirizia 3
Sodio jaluronato alto e basso peso molecolare 1.5% 3
Nosense 0.5
Eurol BT (Olea Europaea (Olive) Leaf Extract, Water) 0.3
Phenonip 0.6
Profumazione: Violetta 3gtt, Vanillina 3gtt

Come si fa?
Divido l’acqua 1/3 per il gel di xantana pre-dispersa nella glicerina, 2/3 per il carbopol.
Per il gel di carbopol verso a pioggia nell’acqua per primo il 21, aspetto che si idrati e vada a fondo e unisco il 30. Una volta preparati entrambi i gel li unisco, frullo e aggiungo l’allantoina.
Preparo la fase grassa a caldo, disperdendo le polveri negli oli (B) e metto i becher di entrambe le fasi a bagnomaria.
Raggiunta la temperatura idonea ad emulsionare verso la fase grassa in quella acquosa in due tempi, verso, mescolo, frullo fino a sbiancamento e ripeto l’operazione con i restanti grassi rimasti.
Una volta emulsionata la crema mescolo fino a raffreddamento, tampono con una soluzione di soda al 20% e aggiungo i grassi della fase c, mescolando e frullando brevissimamente per omogeneizzare il tutto.
Aggiungo i restanti ingredienti della fase c, uno alla volta, mescolando. Ultima frullata e profumazione.
Nel giro di un paio di giorni la crema raggiunge la sua consistenza definitiva, morbida ma da barattolo.

Ingredienti e sostituzioni:
Gc-derm
: mi trovo molto bene con questo emulsionante, sia utilizzato da solo che combinato ad altri emulsionanti. Si può sostituire con gli emulsionanti a caldo che usate normalmente.
Olio di borragine: sulla carta sostituibile con un altro GLA, come ribes nero o enotera. Questo grasso l’ho usato sia in creme viso che corpo, mi piace in prodotti per creme delicate e in prodotti lenitivi anche se non so a questa percentuale quanta differenza possa fare. Ha un odore un po’ pescioso, ma si copre abbastanza bene e non resta nel prodotto finito. È un olio che va rancido in breve tempo, quindi se valutate l’acquisto prendetelo in piccole quantità. Nella versione da notte c’è il cartamo, con cui non sono neanche parenti, non vedo grosse differenze in termini di funzionalità della crema finita, quindi penso sia potenzialmente omissibile e sostituibile da un grasso simile a livello di densità/stesura.
Bisabololo: insostituibile, o meglio se avete un altro buon lenitivo (zanthalene) usatelo ma questa è tra le materie prime che io considero di base.
Nylon-12 6-9 microns: campionatura, si trova su TKB Trading ma è a rischio dogana. Assorbente e vellutante. Non si trova ma è sostituibile con una qualsiasi polvere assorbente che non sia Dryflo, che sul viso non mi piace più moltissimo. Ok alla silica, ma calatela a 0.20 o a 0.15 perché assorbe molto di più, mantenendo invariata la quantità di microsfere di silicone. Cambia a non metterla? Si, ma niente di eccessivo, crea una specie di patina che rende la pelle molto vellutata e liscissima al tatto per qualche ora. Non è ovviamente una polvere ecologica ed è un po’ come spalmarsi plastica, ma se non avete rimorsi e la trovate (o provate a rischiarvela con la dogana) vi consiglio di prenderla.
Cellulose (and) Hydrogenated Lecithin: campionatura, altra polvere blandamente asciugante. Omissibile, è la prima volta che uso questa polvere e ho trovato schede solo per l’utilizzo nei decorativi, quindi non so ancora la differenza tra un prodotto con e senza.
Sk-Influx: mi sono scappate, avrei dovuto mettere 2% ceramidi e 1% pantenolo, ma mi sto trovando ugualmente bene anche a una percentuale così alta. Sulla mia pelle di solito ungono, in questa crema tra polveri e idratanti tenuti bassi non mi creano questo problema.
Estratto glicolico liquirizia: lenisce e mi ci trovo da dio. Sostituibile con estratto glicolico di calendula.
Sodio jaluronato alto e basso pm 1.5%: sostituibile con la soluzione normale all’1%.
Nosense (Inci: Mannitol (and) Ammonium Glycyrrhizate (and) Caffeine (and) Zinc Gluconate (and) Aesculus Hippocastanum (Horse Chestnut) Extract): insostituibile, insieme all’estratto di liquirizia è la sostanza che noto mi funziona meglio sulle irritazioni. Credo si trovi solo da Vernile.
Eurol BT: lenitivo campionato, omissibile.
Profumazione: dolce, sa un po’ di dolcetto. Non è stucchevole perché è veramente poca, ho preferito tenermi bassa volendo un prodotto il meno possibile aggressivo.

2

La sto utilizzando da una ventina di giorni, quasi tutte le mattine prima del trucco a volte dopo un siero a volte da sola, non è pesante come la versione originale ma tiene a bada i fastidi che spesso mi si presentano sul contorno occhi e sulle guance quando mi trucco o mi lavo il viso e uso solo il siero o una crema normale o anti-imperfezioni.
Si spalma e si asciuga nel giro di qualche minuto, lasciando il viso molto morbido, non completamente opaco (NON unto, direi luminoso) e molto, molto setoso.
La volevo lenitiva perché oltre ad avere pruriti in zona oculare e le guance piuttosto secche capita che mi svegli spesso con strisciate e graffi fuxia da zip di cuscino, spalmato questo prodotto nel giro di qualche minuto spariscono i fastidi e i rossori.
Sono davvero soddisfatta da questa crema, non credo sia l’ideale in caso di irritazioni serie o estrema secchezza, ma nel mio caso funziona bene, placandomi fastidi che riuscivo a lenire solo con la prima versione e nessun altro prodotto provato prima.
Per la cronaca il “problema” della prima crema penso sia la trimetilglicina, che insieme ai liposomi è una bomba filmante e lucidante, appena la spalmo sento la pelle ammorbidirsi moltissimo ma di giorno mi risulta inutilizzabile. E’ un non problema trattandosi di una crema da notte, ma se volete un prodotto da giorno vi consiglio senza dubbio la crema postata oggi.

Spero la ricetta vi sia piaciuta, alla prossima ^_^

Shampoo all’avena, balsamo maschera burri e agrumi e fluido anticrespo per capelli trattati e spenti

Ciao a tutti!
Ecco la seconda puntata della serie dedicata ai capelli ^_^
Vi avevo già anticipato qualche prodotto nel primo post, in questo finirò la parte relativa al lavaggio e introdurrò uno dei primi due leave-in che uso per la piega.
Come spiegato nel primo post i miei capelli sono trattati (tinti) e a volte faccio piega liscia con asciugacapelli e piastra, quindi sono abbastanza secchi è un po’ rovinati. Avevo dimenticato nel primo post di scrivere che la mia chioma arriva quasi in fondo alla schiena, quindi abbastanza lunga e ingestibile :D

12

Shampoo delicato avena e agrumi
Acqua 100
Glicerina 3,00
Guar hydroxypropyltrimonium chloride 0.15
Miele 4,00
Inulina 2,00
Gomma xantana normale 0.3
Sles 10
Lauryl glucoside 10
Sodio Cocopoliglucosio Tartrato 8
Disodium cocoamphodiacetate 3
Cocamidopropyl betaine 10
Trimetilglicina 4
Tintura madre di avena 2
Proteine quaternizzate del latte 2
Phenonip 0.5
Fragranza Orange Blossom Gracefruit, Oe limone, Oe rosmarino
Colorante viola e blu un gel qb

Come si fa?
Preparo il gel di xantana e guar, predisperdendo le gomme nella glicerina e aggiungendo l’acqua della ricetta. Aggiungo miele e inulina e frullo.
Aggiungo i tensioattivi al gel come nell’ordine della ricetta, scaldando pochissimo il lauryl glucoside per renderlo liquido, mescolo e come ultima cosa frullo. Controllo il pH e lo porto tra 5 e 6 con acido lattico (ne bastano poche gocce).
Aggiungo la restante fase C, un ingrediente alla volta mescolando, e prima di profumare rifrullo.
La consistenza è liquida ma non scivola dalle mani, per evitare che lo shampoo smolli molto aggiungo la profumazione in più fasi, di solito inserisco uno 0.5, frullo, aspetto fino al giorno dopo e aggiungo altra profumazione se necessario.
Il colore l’ho ottenuto con un mix di blu e una punta di viola di colorante alimentare in gel, il miele che ho usato era molto chiaro, idem la tintura madre, quindi il colore dello shampoo risultava un giallo molto tenue, che sono riuscita a coprire bene.

14

Con questo shampoo mi trovo molto bene, è delicatissimo, abbastanza condizionante, fa una schiuma media ed è l’ideale per lavaggi frequenti. Nonostante abbia meno condizionanti di quello alla birra trovo annodi meno i capelli, quindi quando lo uso utilizzo il balsamo o la maschera solo sulle punte. Non ha un super potere lavante, nel senso che non riesce a togliere tutti i residui degli impacchi oleosi o maschere veramente grasse, ma lava bene, in modo molto delicato, perfetto per lavaggi frequenti o da alternare a uno più aggressivo.
L’avena funziona? Non ne sono sicura, ma credo che il mix di tensioattivi delicati, il miele, l’estratto e la betaina anidra aiutino a rendere il prodotto molto dolce.
Dopo l’uso i capelli sono districati abbastanza bene, lucidi e morbidi.

Maschera balsamo post-shampo al lime e limone
Fase A
Acqua a 100
Glicerina 10
Acido lattico in sol 90% 1.5
Inulina 2
Fase B
Stearamidopropyl dimethylamine 5
Esterquat 5
Cetyl palmitato 6
Oliwax 3
Olio di lino 5
Burro di limone 2
Burro di lime 2
Burro di cupuaco 1.5
Olio d’oliva 2.5
Fase C
Pantenolo 1
Proteine quaternizzate del latte 2
Phenonip 0.5
OE limone 15gtt, OE lime 10gtt, Vaniglia GlamourCosmetic 2gtt, OE geranio 1gtt

Come si fa?
Preparo la soluzione di acqua e acido lattico, aggiungo la glicerina e l’inulina e metto il becher a bagnomaria sul fuoco.
Metto anche il becher con la fase grassa sul fuoco e al raggiungimento della temperatura verso la fase grassa dentro quella acquosa, frullando fino a sbiancamento.
Lo tratto come se fosse un balsamo, quindi non frullo più ma mescolo fino a raffreddamento. Controllo il pH della fase C e lo porto a 5 con una goccia di lattico, le stearamidopropyl dimethylamine non amano variazioni di pH e gli ingredienti vanno aggiunti al pH in cui è il balsamo.
Aggiungo la fase c lentamente, mescolando e metto da parte. Dopo circa una settimana la crema sarà densa da vasetto. Ho usato il cetyl palmitate perché ne ho ancora mezzo chilo da eliminare, al suo posto potete usare cetilico, che renderebbe la crema certamente meno budinosa. L’Oliwax non credo si trovi, al suo posto potete usare altro cetilico o cetilstearilico, per un totale di 9 cere addensanti. Sembrano tante ma non lo sono, le stearamidopropyl dimethylamine danno balsami liquidissimi e io volevo una maschera da vasetto, quindi questa è la quantità che ho trovato per ottenere una consistenza densa.
Il burro di lime e di limone sono burri di campionatura, sono burro di karitè addizionato ad olio essenziale, quindi potete sostituire i burri agrumati con un 4% di burro di karitè. Il burro di cupuacu è simile al cacao, un po’ più duro e secco, potete sostituirlo con quest’ultimo.
La profumazione l’ho scelta per accordarsi ai burri usati, molto profumati, e allo shampoo alla birra, ma si sposa bene anche con quella all’avena o con prodotti al cioccolato.
Io ho usato grassi che piacciono ai miei capelli, la faccio una volta a settimana, solitamente nel we, dopo lo shampoo ne spalmo una noce su tutti i capelli partendo dalle spalle e insistendo sulle punte, lascio in posa 5 minuti e lavo. Anche se è abbastanza grassa non lascia residui, i capelli risultano morbidissimi e lucidi, senza nodi e setosi.
É un prodotto corposo e pesante, ci sono parecchi grassi per essere un post shampoo e molti condizionanti, quindi va bene per chi ha capelli davvero secchi, per tutti gli altri potrebbe risultare pesante.

13

Questa maschera è il top con lo shampoo alla birra, riprende bene l’odore dello shampoo e funge sia da balsamo che da maschera quando non ho avuto tempo di fare l’impacco pre-lavaggio, la sconsiglio dopo un impacco pre-shampoo perché è i capelli potrebbero sembrare unti.

Fluido anticrespo
Fase A
Acqua
Guar hydroxypropyltrimonium chloride 0.5
Idrossietilcellulosa ad alta viscosità 1.20
Inulina 1.00
Fase B
Cetrimonium chloride 1.50
Coco caprylate 0.80
Cetiol sensoft 0.60
Ethylhexyl stearate 0.40
Tocoferolo 0.20
Phenonip 0.40
Fragranza 40 gtt
Fase C
Pantenolo in soluz. al 75% in acqua 0.75
Polyquaternium 7 0.20
Colorante rosso in gel 1gtt

Come si fa?
Ho scaldato l’acqua a circa 60° e versato guar, gelificante e inulina a pioggia, frullato e lasciato raffreddare mescolando. Ho preparato la fase B mescolando i grassi al centrimonium chloride.
Ho versato tutta la fase B nel gel, prima mescolando poi frullando. Ho unito la fase C e rifrullato.
Attenzione alla pesata, una volta mi è scappato 0.30 di grasso in più ed è riaffiorato dopo qualche mese.

Ho fatto questo fluido copiandolo pari-pari da quello di Lola, adattandolo alle mie esigenze e a un paio di ingredienti che non avevo. La consistenza è liquidina, ma non completamente fluida, io ho usato un gelificante ad alta viscosità rispetto a quello suggerito dalla ricetta e mi rimane sempre un po’ più denso.
È eccezionale e ne uso a vagonate, al link trovate tutte le recensioni e la ricetta originale.
Io lo uso sia a capelli umidi che dopo l’asciugatura, ne utilizzo circa mezzo cucchiaino, per volta e ripasso con una spruzzata sulle punte, lascia i capelli morbidi, lucidi, senza nodi e aiuta tantissimo con il crespo.
Sui miei capelli non trovo unga o lasci residui, credo sia uno dei migliori prodotti per la piega che abbia mai provato, se avete i capelli lisci o un mosso che volete liscio provate a riprodurlo, è davvero di semplice esecuzione e svolge un ottimo lavoro.
Con questo fluido riesco ad ottenere un liscio naturale, non a spaghetto, solo con asciugacapelli e spazzola, cosa mai successa con altri prodotti anche commerciali.
Non ho messo la fragranza perché l’ho già rifatto 3 volte e la profumo a seconda dell’estro momentaneo, quella che sto usando ora è un fiorito in cui dominano agrumi e gelsomino. Profumatela tanto perché l’odore resta sui capelli e si sente fino al lavaggio successivo.

Questa era la seconda parte della mia hair-care, mancano la parte sulle maschere fresche e un paio di leave-in per i capelli ricci.

Spero che i prodotti vi siano piaciuti ^_^ Alla prossima!

Maschera, shampoo e balsamo per capelli secchi e trattati

Ciao a tutti!
Finalmente, dopo tantissimo tempo, sono riuscita a scrivere un nuovo post e strutturare una serie dedicata solo ai capelli. Avevo accennato in uno degli ultimi post di aver spignattato parecchio in questi mesi, ma purtroppo impegni vari mi hanno tenuta lontana dal blog, sia fisicamente che mentalmente.

4

Questo post è nato dall’esigenza di parlavi della mia nuova routine, a marzo mi sono decolorata i capelli, da un borgogna scuro sono passata a un’arancione fluo e adesso mi sono fermata su un rosso acceso caldo destinato prima o poi a diventare un platino/grigio/viola.
Decolorare dopo anni di uso di hennè non è stato facilissimo, sono servite più decolorazioni eseguite da un parrucchiere, la lawsonia si fissa al capello e se avete intenzione di fare un cambiamento drastico come il mio vi consiglio un professionista, un pomeriggio libero, tanti soldi e nessuna paura. Perché paura? Dopo un trattamento del genere per quanto sia bravo il parrucchiere i capelli saranno molto secchi, un po’ sfibrati e meno lucidi rispetto a prima.
Ho aspettato molto tempo prima di affrontare l’argomento, tra test di prodotti e routine completamente cambiata ho dovuto trovare la quadratura per riuscire a fare convivere tinte chimiche e spignatti che riuscissero a rendere guardabile una chioma un po’ rovinata.
Qual è lo stato attuale dei miei capelli al naturale? Abbastanza secchi, un po’ crespi, poco mossi e con la tendenza a sviluppare nodi.
I capelli sono cellule morte, non si possono nutrire, si può solo aiutare l’aspetto estetico e farli apparire più lucidi e meno sfibrati, usare prodotti specifici per farli annodare meno. Io uso prodotti senza siliconi per le cure abituali perché trovo che la chioma si appesantisca meno, i balsami e gli shampoo con siliconi alla lunga li trovo troppo pesanti e necessitano di più lavaggi per essere rimossi completamente.
Tutti i prodotti che troverete su questa serie seguono questa linea, i capelli non si curano ma proviamo a renderli belli, sono tutti testati da mesi, la maschera è quella che uso in modo più discontinuo perché preferisco farne di fresche un po’ meno grasse, lo shampoo e il balsamo li uso circa da maggio e li alterno con altri due prodotti di cui vi scriverò prossimamente.

1

Maschera burrosa pre-shampoo cocco e cioccolato
Fase A
Gel ai semi di lino denso a 100
Glicerina 3
Fase B
Olio di cocco 15
Olio d’oliva 10
Olio di lino 5
Burro di mango 5
Salvacosm 9010 0.8
Olivem 1000 5
Alcol cetilico 1.5
Behentrimonium chloride 1.5
Fase C
Pantenolo in soluzione al 75% 1
Proteine quaternizzate della seta 2
Fragranza Dark Chocolate, fragranza Cocco Savon

Come si fa?
Preparo il gel ai semi di lino la sera prima, ne faccio uno abbastanza denso facendo bollire i semi qualche minuto e lasciandoli in infusione tutta la notte. Filtro con una calza (collant) pulita, aggiungo la glicerina, metto entrambe le fasi sul fuoco e raggiunta la temperatura per emulsionare verso la fase grassa dentro quella acquosa, frullando fino a sbiancamento e mescolando fino a raffreddamento completo.
Una volta fredda aggiungo la fase c e invasetto.
Questa crema mi viene quasi sempre bollosa, non ne faccio mai più di 100 grammi per motivi di conservabilità, appena emulsionata diventa densissima e se non tengo il minipimer schiacciato sul fondo del becher il prodotto ingloba aria e assume un aspetto un po’ spugnoso.
Quella che vedete in foto è venuta un po’ grumosa per un raffreddamento troppo rapido, ma ho voluto pubblicarla ugualmente perché lo ritengo un prodotto davvero valido se avete i capelli molto secchi.
Si può omettere il condizionante e abbassare un po’ il cetilico, io li metto perché aiutano l’emulsione rendendola più densa. Un altro modo per ottenere consistenza senza cetilico è utilizzare burri idrogenati come il mandorla o l’avocado.

2

Io la uso una volta ogni 15/20 giorni più o meno, la spalmo sui capelli umidi su tutte le lunghezze insistendo sulle punte e la tengo in posa mezz’ora o un’ora a seconda del tempo a disposizione. Si lava bene, ma servono un paio di passaggi di shampoo per togliere tutto. Lascia i capelli lucidi e mi piace parecchio quando voglio tenere i capelli mossi/ricci. Se la tinta è fatta di fresco tende a farla sbiadire, quindi preferisco usarla sempre un paio di lavaggi prima di rifare il colore.
Nella versione originale, che ho preso da qui, sono presenti un po’ più grassi, a volte faccio quella e trovo funzioni anche meglio, ma ho sempre paura che si separi e non usandola spesso preferisco questa la versione con meno grassi.

Shampoo birra e miele
Fase A
Birra a 100
Guar hydroxypropyltrimonium chloride 0.1
Glicerina 2
Miele 3
Fase b
Sles senza formaldeide 25
Decyl glucoside 5
Disodium cocoamphodiacetate 4
Cocamidopropyl betaine 15
Fase C
GC-Pearl 5
Polyquaternium 7 1
Proteine quaternizzate della seta 1.5
Sale di epsom 0.5
Salvacosm PC 0.5
OE arancio dolce, fragranza Vaniglia Glamour Cosmetics, fragranza Vanillina Glamour Cosmetics, OE geranio sporcatura (1gtt in 100gr), OE ylang ylang sporcatura (1gtt in 200gr).
Colorante giallo in gel qb

Come si fa?
Ho fatto sgasare una birra chiara una notte in frigo. Una volta pronta ho versato glicerina, miele e guar a pioggia e frullato.
Ho aggiunto tutti i tensioattivi nell’ordine della ricetta, frullato e corretto il pH con qualche goccia di acido lattico per portarlo a 5. Per ultimo ho aggiunto la fase C, rifrullato e profumato.
La birra ha un odore particolare, non si copre, si sposano bene poche profumazioni usate in quantità abbondante. Io ho provato a tenermi sugli agrumati e la vaniglia e mi piace parecchio come si sposano, ho usato circa lo 0.8/1 di oli essenziali senza perderne di consistenza.

3

Uso questo shampoo da aprile, ho fatto i canonici 100 grammi per testarlo e ne ho rifatto circa un chilo che sto ancora usando. Non ho avuto nessun problema con la conservazione, il mio terrore più grande era che il prodotto fermentasse, invece ha retto bene e in sette mesi non ha cambiato odore, colore e consistenza. Il colore lo da in parte la birra, io ne ho usata una chiara, che rende il prodotto giallino chiaro, l’ho corretto con un paio di gocce di colorante giallo in gel per ottenere un giallo/oro acceso.
Ho preso spunto dal Cynthia Sylvia Stout (A tutta birra) di Lush, loro usano la birra al posto dell’acqua e volevo capire in cosa differisse da uno shampoo normale. A posteriori direi poco, non trovo grosse differenze tra il prodotto con e senza birra, è un ingrediente che trovo molto poetico e su cui si trova la qualunque utilizzato sui capelli, ma io non ho notato niente di magico o irripetibile se al posto dell’alcool si usa acqua.
Lo shampoo è molto denso, come un commerciale, fa una buona schiuma, si spande bene, è poco districante ed è lavante pur rimanendo abbastanza delicato, tanto da essere riuscita ad usarlo quest’estate con un accenno di dermatite. La SAL è circa 16, poco più alta di quella che si usa normalmente negli shampoo spignattati (10/15), se volete tenerla un po’ più bassa abbassate di qualche grammo la betaina, portandola a 10/12, ne risentirà un po’ la densità e reggerà meno profumazione. Io lo uso senza problemi per i lavaggi frequenti, ma lo alterno a uno shampoo all’avena dalla sal più bassa e un po’ più delicato e condizionante.
Il sale di epsom da un po’ di volume, ma non mi fa una chioma leonina, il giusto per bilanciare l’effetto dei condizionanti.
Mi trovo molto bene con questo shampoo, salvo l’appunto sulla birra non cambierei niente, ho fatto prove sostituendo qualche tensioattivo ma nessuna mi ha soddisfatta e sono tornata a questo, che mi piace sia come potere lavante per i mascheroni come quello che trovate sopra, sia per i lavaggi abituali. Se volete togliere o modificare qualcosa mi raccomando solo di non togliere il perlante se tenete lo stesso mix di tensioattivi, senza il prodotto diventa troppo aggressivo.
Se non avete una cute super-delicata o i capelli molto ricci ve lo consiglio anche se avete capelli grassi, non avendo molti condizionanti non sporca i capelli velocemente e mantiene la cute pulita a lungo.

Balsamo da flacone
Fase A
Acqua
Gel ai semi di lino 10
Guar hydroxypropyltrimonium chloride 0.15
Glicerina 2
Fase B
Behentremonium chloride 4
Esterquat 2
Alcol cetilstearilico 3
Olio di cocco 0.5
Olio di karitè 1
Fase C
Proteine quaternizzate della seta 2
Polyquaternium 7 1
Pantenolo 1
Phenonip 0.7
Profumazione Dark Chocolate e OE arancio dolce 0.8

Ho preparato il gel ai semi di lino come nella ricetta della maschera.
Ho preparato la fase a come per lo shampoo, messo il becher sul fuoco e a 80/85° ho versato tutta la fase grassa dentro quella acquosa, mescolando un minuto per far sciogliere il cetilico.
Ho tolto dal fuoco, frullato fino a sbiancamento e mescolato fino a raffreddamento totale. A balsamo freddo aggiunto la fase c, solo mescolando.
A differenza delle creme il balsamo non acquista densità se frullato dopo essere stato emulsionato, anzi tende a perderla, se lo frullate a caldo diventa acqua, a freddo regge meglio ma spesso mi si è un po’ liquefatto, quindi in genere preferisco mescolare bene e a lungo senza dare la frullatona finale.
La consistenza finale del prodotto è fluida, liquido da flacone senza scivolare dalle mani. Non acquista molta densità nei mesi e rimane sempre piuttosto fluido.
Io ne uso tre/quattro pompate per tutti capelli partendo dalle spalle, lo tengo in posa un paio di minuti e sciacquo. È molto districante, la quantità di condizionante è elevata, quindi funziona bene sui capelli secchi e mossi, su capelli grassi e lisci tende ad appesantire e va usato con le pinze. Io ho capelli sottili e me lo faccio andare bene perché ho un nido di serpi in testa, ma anche sui capelli fini tende ad appesantire abbastanza.
Ho abolito anche qua le proteine idrolizzate, preferisco mettere fissativi nei leave-in che uso prima dell’asciugatura, lasciando al balsamo solo funzione districante.
I capelli dopo l’uso sono perfettamente districati, è una manna con la piega liscia ma non mi affloscia la chioma così tanto da non poter essere utilizzato prima di una piega riccia, se avessi i capelli meno secchi probabilmente terrei i condizionanti più bassi o lascerei questo prodotto solo quando voglio li voglio lisci.

Questa era parte della mia hair-care per capelli disperati, mancano lo shampoo all’avena delicato di cui vi ho accennato sopra, una maschera/balsamo post-shampoo e un paio di prodotti per leave-in che leggerete sui prossimi articoli.
Voi che prodotti usate sui capelli trattati? Sono sempre alla ricerca di commerciali da copiare e non mi spaventano i siliconi, quindi qualsiasi consiglio è bene accetto :D

Spero che questo post vi sia piaciuto ^_^ Alla prossima!

L’Avena Poetica – Maschera nutritiva avena e banana

Una maschera fresca! YE.
Vi ricordate quella rubrica sulle maschere fresche iniziata giugno? Il blog poi è sprofondato là dove dormono i Grandi Antichi per qualche mese e niente, la rubrica si è persa.
Ho deciso di riprenderla in mano con una maschera un po’ particolare per me, un prodotto nutritivo e lenitivo. Credo di avervi già accennato dei cambiamenti della mia pelle, negli ultimi mesi non è più unta come una padella e ha manifestato segni di secchezza. Come osi tu, pelle?
Questa è una delle maschere che ho sperimentato durante il periodo estivo e sto usando anche ora che fa più fresco. Ho preso spunto dalla maschera Lush Avena Poetica dopo averne provato un paio di campioncini.
La dose è per 75gr e ne risultano circa 5 applicazioni, sono scettica sulla conservazione, io l’ho tenuta per un paio di settimane in frigorifero, usandola, e non ha subito variazioni di odore e colore (non è diventata marrone), ma preferisco comunque farla e spalmarla al momento.

avena2

Farina d’avena 20gr
Glicerina 20gr
Banana non morbidissima 20gr
Burro di karitè 5gr
Caolino 5gr
Ossido di zinco 3gr
Farina di mandorle 2gr
Estratto di vaniglia 2gtt
Succo di limone 2gtt
Colorante giallo qb

Come si fa?
Ho schiacciato la banana e ho aggiunto una goccia di succo di limone per evitare che ossidasse all’istante. Ho sciolto al microonde per pochi secondi il burro di karitè, l’ho mescolato al resto degli ingredienti umidi e li ho aggiunti agli ingredienti secchi, mescolando. Ho aggiunto anche un po’ di colorante giallo in gel, la mia era venuta bianchissima, è ovviamente opzionale.
Deve risultare una pasta morbida, molto appiccicosa e gommosa.
Per schiacciare la banana uso una forchetta di plastica o una paletta di legno, vi sconsiglio di frullarla o scurisce abbastanza velocemente.

Ingredienti:
Senza farvi la lista, gli ingredienti fondamentali sono farina d’avena, banana, caolino (poco) e il grasso. Tutto il resto è un surplus che serve a rendere il prodotto più lenitivo, spalmabile e leggermente più idratante. Ho provato a sostituire la farina con i fiocchi ma se non li macinate molto bene rischiate di scorticarvi il viso. Quella che vedete in foto è fatta coi fiocchi, ma io preferisco decisamente quella con la farina, il composto risulta più omogeneo.
Quasi sempre ometto la farina di mandorle, lo scrub al viso mi piace ma ho settordici scrub aperti e almeno la maschera voglio tenerla normale.
La glicerina è sostituibile da acqua o latte (anche vegetale) solo se non avete intenzione di conservarla, lo zinco omissibile ma aiuta molto con i rossori.
Il burro di karitè è sostituibile a un olio o burro a scelta, non mettete più 5 grammi di burro, scendete anche a 3 se si tratta di olio molto pesante, o la maschera risulterà molto unta. Io ho usato olio di canapa, cartamo, oliva, burro di mango ecc.

Come, cosa, quando?
L’uso non è esattamente for dummies, funziona un po’ come le paste lavaviso di Lush e non si spalma in modo omogeneo se prima non la bagnate.
Ne stacco un pezzo, lo inumidisco velocemente sotto l’acqua e lo spalmo sul viso già bagnato, uno strato sottile o per toglierla ci si mettono ore, la tengo in posa una quindicina di minuti, lavo con una spugnetta e tampono il viso.

avena3

Una volta eliminato il prodotto la pelle è morbida, lenita, liscissima e compatta. E per nulla unta. Vorrei soffermarmi sul pelle liscissima :D E’ una cosa che mi succede raramente con altre maschere, è come se il viso fosse vellutato. Non fa nulla contro le imperfezioni, non secca, se avete punti neri o brufoli restano li e se la pelle è davvero secca dopo il lavaggio vi servirà comunque l’applicazione di una crema o di un siero. Io di solito uso la mia crema lenitiva o un siero.
Nonostante la consistenza blobbosa e la non facilità d’uso è una maschera che mi piace tantissimo e mi ha stupita, la faccio spesso tenendo come base la farina d’avena, aggiungendo a volte anche mezzo cucchiaino di gel ai semi di lino o di miele.
Non la consiglio a una pelle molto unta o con molte imperfezioni, ma per una normale, mista o non troppo secca potrebbe essere un buon prodotto.

Se non avete bilancine di precisione e volete fare la versione da fare e usare vi passo la ricetta che uso per un’applicazione, la procedura per farla è identica a quella della maschera da 75gr:

Glicerina 1 cucchiaino
Banana un cucchiaio (circa 3 rondelle)
Burro di mango (o burro di karitè o 3gtt di olio a scelta) mezzo cucchiaino
Estratto di vaniglia 1gtt (per il profumo quindi omissibile)
Caolino mezzo cucchiaino
Ossido di zinco mezzo cucchiaino
Farina d’avena 1 cucchiaio

Questa versione è molto meno densa rispetto all’originale, più facile da stendere, ma resta ugualmente molto funzionale a livello di nutrimento e lenisce davvero bene.

Spero che questa maschera vi sia piaciuta, se la rifate o ne usate una simile fatemelo sapere nei commenti ^_^ Alla prossima!

Crema corpo doposole cocco-menta

Ciao a tutti! Come promesso questo sarà uno degli ultimi articoli destinati alla skin-care estiva.
Come mai un doposole adesso? C’è ancora chi parte per le vacanze, chi è tornato ma ha bisogno di una crema leggera blandamente lenitiva e perché no? Per i tanti fortunati che possono godersi gli ultimi giorni di mare e spiaggia. E’ una crema un po’ lunga da fare, ma se avete già un minimo di esperienza con un’ora avrete risolto tutto.

doposole1

Fase A
Acqua a 100
Allantoina 0.3
Glicerina 2
Sorbitolo 1
Gomma xantana SF 0.1
Carbopol Ultrez 21: 0.2
Fase B
Ethylhexyl stearate 2
Coco caprilate 1.5
Olio di riso 2
Olio di cacao 1
Tocoferolo 1
Burro di cupuacu 0.5
Gc-Derm 2.5
Gliceryl stearate SE 0.5
Cera di candelilla 0.3
Behenyl alcool 0.2
Fase C 1
Cetiol sensoft 1
Silice micronizzata 0.2
Bisabololo 0.5
Ubiquinone coenzima Q10 0.1
Phenonip 0.5
Fase C2
Estratto glicolico di calendula 2
Gel di sodio jaluronato doppio peso molecolare (alto peso 1%, basso peso 0.5) 1.5% 3
Pantenolo al 75% 0.7
Sodium pca 0.5
Eurol BT 0.3
Fase C3
Acqua 5
SAP 1.5
Niacinamide 2
Fase C4
Nano liposomi antioxidant 3
Profumazione qb: cocco, oe menta, vaniglia. Colorante gel giallo e verde una goccia.

Come si fa?
Preparo i due gel di carbopol e xantana separatamente. In 2/3 d’acqua disperdo a pioggia il carbopol e lo metto da parte, nel mentre preparo il gel di xantana, predisperdendo la gomma nella glicerina e aggiungendo lentamente l’acqua rimasta, mescolando per evitare la formazione di grumi. Verrà un gel molto liquido.
Unisco i due gel, aggiungo la restante fase A, frullo e metto il becher a bagnomaria sul fuoco.
Preparo la fase B e metto il becher con i grassi a bagnomaria a fianco della fase A.
Mentre le fasi si scaldano preparo la fase C1, sciolgo il Q10 nell’olio tiepido (NON BOLLENTE) e aggiungo silice, bisabololo e conservante. Metto il becher da parte.
Preparo anche la fase C2, sciogliendo il SAP nell’acqua e mettendolo da parte.
Al raggiungimento della temperatura idonea ad emulsionare verso la fase grassa (B) in quella acquosa (A), in due tempi, verso, mescolo e frullo, verso la restante fase grassa, mescolo e frullo per emulsionare. Risulterà una crema molto fluida che addenserà con il raffreddamento.
Continuo a mescolare la crema fino a intiepidimento e tampono con qualche goccia di soda per portare la crema a 5.5.
A crema fredda aggiungo la fase C1, mescolando e dando una breve frullatina, successivamente aggiungo la fase C2, un ingrediente alla volta, lentamente, mescolando tra un’aggiunta e l’altra. Attenzione al sale, tende un po’ a smontare la crema, ma se aggiunto goccia a goccia il prodotto manterrà la sua densità.
Aggiungo la soluzione di SAP, ricontrollo il pH (dovrebbe essere rimasto tra il 5 e il 6) e verso a pioggia la niacinamide sulla crema, mescolando.
Prima di versare i liposomi frullo un ultima volta e profumo.

Ingredienti e sostituzioni:
Allantoina: lenitiva, non omissibile. Costa poco ed è tra gli ingredienti base se volete spignattare
Glicerina: l’ho tenuta bassa per non avere affetto carta moschicida, se la alzate la crema sarà più idratante, ma potrebbe fare sudare.
Sorbitolo: lo adoro nelle creme, è umettante e permette di abbassare la glicerina senza averne gli effetti collaterali. Omissibile.
Gomma xantana SF: più leggera e meno addensante della gomma classica, si può usare la xantana normale.
Carbopol Ultrez 21: non usate il 30, la crema si addensa con il tempo e con il 30 rischiate un mattone budinoso.
Mix di oli: ho scelto oli leggerissimi e setosi per rendere la crema leggera e spalmabile.
Tocoferolo: antiossidante, insostituibile. Se lo aumentate la crema risulterà un po’ più pesante e vi consiglio di aggiungere uno 0.1 di silica.
Burro di cupuacu: burro non grassissimo e abbastanza duro, sostituibile con metà Sal o Kokum e metà cacao. In mancanza di entrambi il karitè andrà benissimo. Io ho la versione raffinata, quindi inodore, quello grezzo dovrebbe odorare di cacao.
Sistema emulsionante: potete usare il sistema emulsionante che più vi piace, ma questo risulta idratante, setoso e non fa scia. Io vi consiglio di non cambiarlo o di provare a rifarlo il più possibile simile all’originale. Il GC-Derm fa la differenza, se non avete il behenyl alcohol usate l’alcool cetilstearilico.
Silice micronizzata: per asciugare, sostituibile con Dry-flo.
Bisabololo: insostituibile. Lenitivo eccellente contro le irritazioni.
Q10: antiossidante. Omissibile essendoci già i liposomi antiox.
Estratto glicolico di calendula: lenitivo, sostituibile solo con un altro lenitivo, esempio eg di liquirizia, Nosense ecc.
Gel di sodio jaluronato doppio peso molecolare: sostituibile con il gel ad alto/medio peso molecolare (quello classico) all’1% alla stessa percentuale.
Pantenolo: insostituibile. Anti-infiammatorio, stimolante dell’epitelizzazione, favorisce la cicatrizzazione. L’ho tenuto basso per evitare che la crema risultasse pesante.
Sodium pca: sostituibile con sodio lattato o con Lactil, Umectol o simili.
SAP: forma stabile della vitamina C. Antiossidante, fondamentale in un prodotto doposole. Insostituibile.
Niacinamide: lenitivo e idratante. Non superare il 2%, sopra al 3 si utilizza per prodotti anti-acne. Ad alcuni da fastidio anche a basse percentuali, se sapete se vi irrita omettetela. Controllate sempre il pH prima di inserirla, tenetevi sul 5.5. Vi consiglio di leggere questo topic.
Liposomi antiox: liposomi di coenzima Q10 e acido alfa lipoico, svolgono azione antiossidante.

doposole2

Come, dove, quando?

È una crema che addensa col tempo ma non budina, si può invasettare sia in dispenser che in barattolo.
Si spalma e si assorbe velocemente, non produce nessuna scia bianca, lascia la pelle liscia e morbida e la sensazione di nutrimento rimane sulla pelle per diverso tempo. Sul lato antiossidante ci siamo, ho messo un’abbondante dose di attivi, sul lato lenitivo funziona solo se non vi siete bruciate seriamente e non vi siete trasformate in un’aragosta.
Io l’ho usata per tutto luglio e agosto, mi ha lenito molto bene i leggeri rossori post esposizione ed è stata una buona crema idratante anche per piccole desquamazioni successive a una brutta dermatite sulle gambe che mi ha colpito a giugno.
La sto utilizzando tutt’ora alternata a una crema anticellulite di cui vi scriverò in uno dei prossimi articoli.
Non fa sudare e la trovo abbastanza adatta al periodo caldo/freddo di questo ultimo mese.
Non la consiglierei in caso di scottatura seria o di vacanza ai tropici (LOL), la trovo un prodotto più adatto ai leggeri arrossamenti.

Spero che questa ricetta vi sia piaciuta ^_^ Alla prossima!

 

Skincare estiva viso

Ciao a tutti!
Rieccomi dopo una lunghissima pausa estiva, luglio e agosto (e settembre) sono stati ricchi di malanni e non ho avuto la spinta per aggiornare il blog regolarmente. So che un blog dovrebbe essere aggiornato con più regolarità, ma questo spazio per me è in primo luogo un momento di svago e come tale deve rimanere, quindi spero mi perdonerete le lunghe assenze che mi contraddistinguono.
Ho spignattato tanto in primavera e non avendo aggiornato per millemila giorni i prodotti di cui vi parlerò oggi e nei prossimi appuntamenti avranno un test d’uso di 3/4 mesi.
Perché pubblicare ora ricette estive? Perché credo che possano essere prodotti carini anche in autunno per chi non sopporta prodotti pesanti o per chi ha pelle grassa con tendenza a lucidarsi. Non vanno assolutamente bene per una pelle normale o mista tendente al secco, non apportano l’idratazione sufficiente.

1

La puntata di oggi sarà dedicata al viso, con un tonico, un siero in gocce e una crema fluida leggerissima con cui mi sono trovata abbastanza bene non avendo bisogno di un’idratazione eccessiva.
Nonostante l’estate sia stata abbastanza clemente ho ridotto la skin-care all’osso, utilizzando prodotti viso e corpo molto leggeri e rinfrescanti.

Tonico rinfrescante

Acqua a 100
Allantoina 0.2
Glicerina 1
Acqua di amamelide 10
Acqua di rosa 20
Acqua di menta 10
Pantenolo al 75% 0.5
Aloe 200:1 0.1
Estratto glicolico di cetriolo 2
Oe menta 3gtt, oe limone 2gtt, oe lavandino 1gtt, oe salvia sclarea 1gtt
Poliglicerile-10 laurato qb
Cosgard 0.6
Acido lattico a pH 4.5
Colorante blu e giallo in gel una sporcatura

Come si fa?
Ho solubilizzato gli oli essenziali nel poliglicerile-10 laurato. Ho sciolto l’allantoina nell’acqua calda, aspettato che raffreddasse e unito il resto degli ingredienti, agitato e imbottigliato. È rinfrescante in senso lato, non sembrerà di esservi immerse in una vasca di ghiaccio ma l’olio essenziale di menta qualcosa fa e il profumo è molto energizzante. Non fa nulla per rossori, non idrata, ci sono un minimo di pantenolo e allantoina che qualcosa fanno, ma niente di wow. Però non appiccica e non luciderà dopo mezz’ora, come mi è capitato con alcuni tonici zeppi di attivi. Ne ho fatte due versioni, una con oe di limone e una con oe di bergamotto senza fucumarine, la prima la uso la sera, la seconda di giorno.
Può essere sfizioso anche come acqua rinfrescante, l’ho usato spesso in casa nei giorni di caldo intenso e l’ho trovato molto piacevole.
Sostituzioni non ne metto, è un tonico leggermente elaborato, ma niente di che, totalmente omissibile l’acqua di menta, l’olio essenziale svolge già il suo lavoro, vi consiglio di tenere l’amamelide che contro il lucido è una mano santa.
L’estratto glicolico di cetriolo è il mio ingrediente d’affezione dell’estate, lo troverete in quasi tutto quello che pubblicherò, dovrebbe essere rinfrescante e astringente, fate conto che metterlo e non metterlo è quasi uguale, quindi potreste ometterlo o sostituirlo con un altro estratto glicolico che usate sul viso. Se volete usare un estratto glicerico tagliate completamente la glicerina.

Essence viso rinfrescante e lenitiva

Fase A
Acqua a 100
Pemulen TR 2 0.25
Magnesium aluminum silicate sospensione pre-conservata al 5% 2
Sorbitolo 1
Fase B
Dycaprylyl ether 1
Etilesilstearato 1.5
Coco-caprylate 1.5
Olio di cacao 0.5
Burro di sal 0.5
Tocoferolo 0.5
Dry-flo 0.5
Phenonip 0.5
Bisabololo 0.5
Salvacosm 9010 0,5
Fase C
Sodio jaluronato in sol. acquosa doppio peso molecolare (alto 1%, basso 0.5%) 1.5% 2
Estratto di cetriolo 2
Estratto di liquirizia 2
Gc-Skin calm 2
Oe limone 3gtt, fragranza Cucumber 2gtt, Oe menta 3gtt
Pantenolo 0.30

Come si fa?
Ho sciolto il sorbitolo nell’acqua calda, aspettato il raffreddamento e versato il gelificante. Ho messo in frigo e l’ho lasciato ad idratare circa una notte. All’idratazione completa del polimero ho aggiunto la sospensione e ho frullato. Ho stemperato il dry-flo nella fase grassa e aggiunto tutta la fase a filo in quella acquosa, frullando.
Mentre frullavo ho corretto il pH con qualche goccia di soda caustica, ho misurato e ho continuato a frullare.
Ho aggiunto la fase c lentamente, continuando a frullare per un paio di minuti. Il pantenolo l’ho aggiunto goccia a goccia per non liquefare eccessivamente il fluido.
Frullando si formerà qualche bolla, che scomparirà entro un paio di giorni massimo.

Ingredienti e sostituzioni:
Pemulen TR 2: Polimero in grado di emulsionare. Non è sostituibile, esistono altri gelificanti dal potere emulsionante ma l’effetto sulla pelle è diversissimo. È un po’ laborioso noioso da utilizzare, o si lascia idratare per ore o si disperde in nell’etiletilstearato e si procede direttamente all’emulsione. Vi consiglio di leggere qua e la sua scheda.
Non regge NIENTE, nessun sale o sbalzo di pH, è delicatissimo. Ho messo poco pantenolo per fluidificare leggermente, ma non vi consiglio di aumentarlo o di sostituirlo con un sale (es. sodio lattato).
Non è assolutamente sostituibile con Carbopol Ultrez 21 e famiglia, sono sostanze diverse e hanno funzioni diverse. Se volete prendere spunto da questo per fare una crema gel può funzionare, ma tenete presente che il carbomer non emulsiona, mantiene solamente le particelle in sospensione.
Magnesium aluminum silicate sospensione pre-conservata al 5: l’ho usata per assorbire la lucidità del viso. Funziona abbastanza bene, ma in abbinamento al Pemulen fa budinare anche creme fluide. Si può abbassare o omettere, ma l’emulsione potrebbe fare leggermente lucidare una pelle molto grassa. Leggendo questo topic troverete le istruzioni per fare la sospensione.
Sorbitolo: umettante, mi unge meno della glicerina. Si può sostituire con la glicerina.
Grassi: ho fatto una cascata di olietti leggerissimi e esteri, l’olio di cacao è molto setoso e il burro di sal è un burro secco e duro, sostituibile con il kokum.
Dry-flo: Amido assorbente. So che per tante il Dry-flo sul viso è un abominio, è una polvere poco fine rispetto a quelle che utilizziamo ora. Si può sostituire con microsfere di silice.
Bisabololo: lenitivo. Sostituibile con altro lenitivo che segua un po’ la linea della formula, ossia che non faccia strato e non faccia lucidare.
Sodio jaluronato in sol. acquosa alto e basso peso molecolare 1.5%: si può sostituire con la soluzione all’1% (credo facciano un mix tra alto e medio).
Estratto glicolico di cetriolo: Vanta proprietà astringenti, l’ho provato diverse volte ma non vedo troppe differenze tra usarlo e non usarlo. Se non l’avete è omissibile.
Estratto di liquirizia: lenitivo. Funziona! Ho fatto prove con e senza e vedo la differenza sulle zone del viso da lenire come guance e contorno occhi.
Gc-Skin calmGc-Skin calm: anche questo funziona abbastanza, per approfondimento vi rimando alla scheda del venditore. Se la vostra dispensa abbonda di lenitivi o antiarrossanti potete farne a meno, ci sono prodotti ugualmente validi come liquirizia, bisabololo, calendula ecc, quindi sostituitelo con uno di questi
Pantenolo: l’ho usato per fluidificare e dare uno zic di idratazione in più.

Questo fluido è spartano, ci sono pochi ingredienti ma funziona.
Opacizza abbastanza bene sebbene la mancanza di cere un po’ si senta. Spalmandola sembra acqua, da qui la sensazione di fresco, si assorbe (evapora) in pochi secondi e lascia la pelle morbida e asciutta. L’ho chiamata essence perché è un fluido liquido come l’acqua.
Per me è stato idratante il giusto nel periodo estivo, non ci sono mille attivi, volevo solo qualcosa che non mi facesse tirare la pelle dopo la detersione, lenisse e tenesse un po’ a bada il sebo, da mettere sotto il make-up o dopo essermi struccata.
Quando mi strucco ho la zona delle guance che fa un po’ le bizze, questo fluido aiuta a tenere a bada la situazione, sfiamma, non appesantisce e non appiccica, non fa sudare ed è come non aver messo – quasi – nulla.
Le volte in cui ho sentito bisogno di un surplus di idratazione ho usato la crema lenitiva alla liquirizia che ho pubblicato in primavera, solo nelle zone che mi interessava lenire e idratare e solo prima di andare a letto.
Regge bene il trucco serale, non facendo sudare non compromette la resa nel tempo.
Di giorno non lo uso, sto usando una bbcream che sfrutto anche come crema sopra al siero e sto bene così :D

2

Gocce viso

Acqua a 100
Acqua di rose 20
Hyacare 50 0,1
Gomma xantana SF 0,2
Sodio jaluronato doppio peso molecolare (alto 1% e basso 0.5%) 1.5% 20
Pantenolo al 75% 3
Collagene idrolizzato 1.5
Sk-inlux (ceramidi) 2
Gc collagen pro 3
Estratto glicolico di centella 3
Fragranza Rosa Rossa 1gtt
Salvacosm 9010 0,5

Come si fa?
Ho lasciato idratare l’Hyacare nell’acqua della ricetta, non mi ricordo il tempo esatto richiesto dall’operazione ma credo sia abbastanza lungo.
Ho disperso la xantana nella glicerina, aggiunto a filo l’idrolato di rose e mescolato per facilitare la formazione gel gel. Successivamente ho unito di due fluidi e aggiunto tutti gli ingredienti, nell’ordine che vedete nella ricetta, mescolando tra un’aggiunta e l’altra. Come ultima cosa ho frullato, messo un paio di giorni da parte perché sparissero le bolle e invasettato in un flacone con contagocce.

Acqua di rose: sostituibile con idrolato a scelta, ma credo che i migliori siano rosa, fiori d’arancio e amamelide (quest’ultimo mai più del 10). Io mi sono attenuta alle percentuali suggerite da Glamour Cosmetics, altrimenti avrei usato l’idrolato a 100. Breve parentesi sui loro idrolati, sono ottimi, molto profumati e tra i migliori che ho provato. Ottimo anche il mirto che ho usato in questa ricetta.
Hyacare 50: Acido ialuronico idrolizzato a bassissimo peso molecolare. C’è molta differenza tra metterlo o non metterlo? Non lo so. Lo sto usando in alcuni prodotti viso e non vedo effetti miracolosi, ma riformulerò il giudizio sul lungo periodo.
Gomma xantana SF: xantana che non fa strato ma rimane anche più fluida rispetto alla normale. Sostituibile con la normale, che terrei a 0.15. La trovate (come tutto il resto) su Glamour Cosmetics
Sodio jaluronato doppio peso molecolare: usate quello normale ma portatelo a 15
Pantenolo al 75%: Questo insieme alle ceramidi potrebbero fare un po’ effetto carta moschicida, se trovate il prodotto un po’ troppo ricco abbassatelo a 2.
Collagene idrolizzato: omissibile, fa un po’ effetto tensore, di cui personalmente non ho bisogno.
Sk-influx: mix di ceramidi. Ripara e protegge, molto utile in caso di pelle secca.
Gc collagen pro: TADAN! Non so dirvi se funziona. È un peptide che dovrebbe servire a combattere l’insorgenza delle rughe, io non ho ancora capito se è un ingrediente d’affezione o se è effettivamente funzionale.
Estratto glicolico di centella: nei prodotti viso mi piace tantissimo, dovrebbe aiutare l’elasticità e combattere le rughe. L’ingrediente magico qua è ovviamente il glicole propilenico, che rende le gocce setosissime, quindi se volete sostituite con un altro estratto glicolico ad hoc.

Questo fluido è fantastico, idrata mediamente e lascia la pelle vellutatissima, senza appiccicare o tirare. L’ho trovato buono come preparazione alla crema, bastano tre gocce per tutto il viso, massaggiando e picchiettando si asciuga rapidamente ed è ottimo utilizzato sotto alla bbcream o come pre-trucco.
I giorni pochi giorni in cui non mi sono truccata ho utilizzato solo questo come unico idratante giorno e la pelle non si è lucidata, quindi penso possa essere un buon prodotto anche per chi ha la pelle mista non molto grassa e non si trova bene con creme o sieri pesanti.

Ed eccoci alla fine, per me questi prodotti sono stati molto utili in agosto, ma decisamente insufficienti al mio ritorno a casa (settembre Emilia mon amour). La mia pelle sta attraversando un periodo bizzarro di “non più untume solo pellicine”, quindi tutta la skincare è stata rivista per il periodo autunnale. Consiglio questa serie di prodotti o a chi ha una pelle davvero molto unta (abbinata magari ad un siero ad hoc) o a periodi di caldo intenso.
Chiedo venia per le foto orride, ma quasi tutti i prodotti sono stati lasciati a Roma a casa del mio ragazzo in attesa del trasloco, quindi dovrete accontentarvi di questo set un po’ mesto.

Spero che queste ricette vi siano piaciute, alla prossima!

Maschera scrub delicata e asciugante al riso e cetriolo

Ciao fanciulli!
Come avevo promesso su Facebook ecco la prima puntata sulle maschere fresche, oggi ve ne proporrò una leggermente asciugante e rinfrescante al riso e al succo di cetriolo.

blog

È una maschera abbastanza delicata e poco disseccante, credo che possa andare bene per pelli normali, miste o leggermente grasse. Non va bene per pelli molto grasse o molto secche, per le prime potrebbe non essere abbastanza asciugante, le seconde non credo abbiano bisogno di seccare nulla :D .
Se avete la pelle delicatissima o reattiva, che non tollera bene prodotti scrubbanti o siete allergici a uno dei componenti ve la sconsiglio.

Un cucchiaio di amido di riso
Un cucchiaio di farina di riso rimacinata
Un cucchiaio di caolino
Un cucchiaino di glicerina
Un cucchiaio di centrifugato di cetriolo
Qualche goccia di idrolato di rose per allungare
Oe lavanda 1gtt

Farina di riso: la sto usando spesso nelle maschere fresche, se usata in purezza non mi piace, ha una grana un po’ grossa per i miei gusti e la passo sempre al macinacaffè. Rimacinata trovo faccia uno scrub abbastanza delicato da poter essere usato anche ogni settimana. L’effetto è un po’ quello della farina di mandorle, quindi dei detergenti in panetto Lush, per capirci.
Amido di riso: buon filler, lo abbino ogni tanto alle argille quando non voglio un prodotto molto disseccante.
Caolino: sto usando quasi esclusivamente caolino nelle maschere, è molto meno aggressivo dell’argilla verde, che uso solo una volta al mese quando voglio fare una maschera molto asciugante.
Glicerina: omissibile, ma mi piace mettere anche qualcosa di idratante nelle maschere, anche se hanno un altro scopo. Senza glicerina asciugherà un pelo di più la pelle e si asciugherà un po’ prima sul viso.
Centrifugato di cetriolo: molto rinfrescante :D Ho provato diversi vegetali e questo è quello che mi piace di più, il profumo erbaceo è molto gradevole e lascia una bellissima sensazione sul viso. Quando non riesco a centrifugarlo ne grattugio un pezzo piccolo, filtro l’acqua e la aggiungo alla maschera. Se utilizzate in una maschera un succo fresco ricordatevi di usarlo subito, o ossida.
Idrolato di rose: omissibile, lo uso solo per allungare e rendere la maschera un po’ più liquida e spalmabile. Al suo posto si può usare acqua.
Olio essenziale di lavanda: omissibile. L’ho usato perché è uno degli oli con cui mi trovo meglio nelle maschere viso, non arrossa, disinfetta e rinfresca.

Sto usando questa maschera con una certa frequenza dall’anno scorso, soprattutto in estate, è molto rinfrescante e asciuga senza far tirare eccessivamente la pelle dopo averla rimossa.
La spalmo spessa, evitando contorno labbra e occhi, e la tengo in posa fino a quando sento che inizia ad asciugarsi (10/15 minuti).
Prima di rimuoverla spruzzo un po’ di acqua per idratarla nuovamente e la massaggio qualche secondo, i granuli di farina di riso fanno un leggero scrub mentre l’amido e l’argilla puliscono la pelle. Una volta rimossa il viso è pulito, rinfrescato e non tira, infatti se non la faccio di sera spruzzo solo un tonico e non applico un idratante.

Come per tutti gli scrub vale la stessa regola, meno è meglio, pur essendo delicato è meglio usarlo una volta ogni dieci giorni, quindi consiglio questa maschera da alternare ad altre da usare settimanalmente.

Spero che questa prima puntata vi sia piaciuta ^_^ Alla prossima!

Crema lenitiva calendula e liquirizia

Ciao fanciulli!
Le mie abitudini in termini di skin-care stanno cambiando rapidissimamente, fino all’anno scorso non avrei mai pensato di mettermi una crema così pesante sul viso.
Il prodotto in questione è lenitivo e mi è venuto in soccorso tra aprile e maggio con lo sbocciuare di fiorellini ed erbette varie. La mia pelle ha iniziato a fare le bizze, pruriti, rossori, screpolata ai lati del naso, sulle guance, e sul mento. Anche il resto del viso non era proprio il top, in generale la sentivo sofferente e bisognosa.

post1

Ho sempre preferito prodotti più leggeri, come questa crema, ma ho voluto provare qualcosa di diverso, che lenisse e idratasse maggiormente.
Questa non è una crema leggerissima, io ho la pelle mista/grassa e mi sveglio al mattino leggermente lucida, ma in compenso mi arrosso meno e le zone più irritabili mi sembrano tirare e prudere un po’ meno, sono completamente sparite le screpolature.

Fase A
Acqua a 100
Gomma xantana normale 0.1
Glicerina 3
Allantoina 0.3
Carbopol ultrez 21 0.20
Carbopol ultrez 30 0.10
Fase B
Ethylhexyl stearate 1,5
Coco caprylate 1
Squalano sintetico 0.5
Olio di argan 1.5
Tocoferolo 1
Olio di cacao 1
Cetyl ricinoleate 0.5
Burro di sal 1
Olivem 1000 2
Olivem 700 1.5
Alcool cetilstearilico 50/50 0.5
Fase C1
Olio di cartamo 2
Bisabololo 0.5
Dryflo 0.3
Fase C2
Arginina 0.5
Pantenolo 1
Trimetilglicina 2
Estratto glicolico calendula 2
Estratto glicolico liquirizia 2
Sodio jaluronato alto e basso pm 1.5% 3
Nosense 0.5
Eurol BT (Olea Europaea (Olive) Leaf Extract, Water) 0.3*
Phenonip 0.6
Fase D
Nano-liposomi antioxidant (Q10 e acido lipoico) 3
Fragranza mimosa 3gt

Come l’ho fatta?

Nonostante la lunghezza della formula e le settordici fasi è abbastanza semplice da realizzare.
Per prima cosa ho disperso il Dryflo nell’olio di cartamo e nel bisabololo e ho messo la pappetta da parte.
Successivamente ho preparato la fase acquosa, dividendo 1/3 dell’acqua per il gel di xantana e 2/3 dell’acqua per i due carbomer. Nel becher per il carbomer ho versato a pioggia il 21, aspettato che idratasse e “andasse a fondo” e versato successivamente il 30. Quando entrambi i polimeri si sono idratati ho versato il liquido sul gel di xantana preparato nel solito modo, aggiunto l’allantoina, frullato per omogeneizzare e messo il becher a bagnomaria con la fase oleosa.
Al raggiungimento della temperatura ho emulsionato, versando metà della fase oleosa su quella acquosa, mescolato e frullato fino a sbiancamento, ripetuto finendo di emulsionare i grassi rimasti.
Ho tamponato il carbomer con l’arginina, versata direttamente a pioggia sull’emulsione. Successivamente il pantenolo, lentamente, per non smontare troppo la crema.
Ho mescolato fino a intiepidimento e aggiunto alla crema la pappetta di bisabololo, cartamo e dryflo.
Ho disperso Nosense e trimetilglicina nel gel di sodio jaluronato e negli estratti vegetali e li ho aggiunti insieme al conservante alla crema ormai fredda. Ho frullato per omogeneizzare e per ultimi ho inserito liposomi e fragranza, solo mescolando.

Ingredienti e sostituzioni

Carbopol Ultrez 21/30: se dovete scegliere un solo tipo di carbomer usate il 21
Cascata di grassi: li terrei invariati. Se non ne avete uno sostituitelo con quello più simile.
Olivem 1000/Olivem 700: il secondo non se si trova, eventualmente usate il GC-Derm (o solo l’Olivem 1000) a 3.5, nel primo caso la crema risulterà più idratante, nel secondo un po’ più secca.
Alcool cetilstearilico 50/50: fattore di consistenza. Sostituibile con alcool cetilico alla stessa percentuale, ma cambierà un po’ la spalmata e la crema risulterà più secca.
Olio di cartamo: olio secco dall’alto contenuto di linoleico. Non è speciale, si può anche sostituire con un borragine o un enotera. Se non avete nessuno degli oli citati provate con un canapa.
Bisabololo: lenitivo. Indispensabile.
Dryflo: amido modificato, tampona un po’ l’unto della crema, indispensabile in caso di pelle mista, se ne può fare a meno su una pelle normale.
Arginina: aminoacido riparatore.
Pantenolo: è una forma più stabile dell’acido pantotenico o vitamina B5, idratante, emolliente e lenitivo.
Estratto glicolico calendula e liquirizia: mi piacciono entrambi, ma se dovesse scegliere tra le due andrei di calendula.
Sodio jaluronato: si può usare la soluzione sodio jaluronato ad alto peso molecolare.
Nosense:  è un complesso naturale dal forte potere lenitivo.L’ho provato anche in altri prodotti e vi assicuro che funziona ed è molto utile contro irritazione e prurito.
Eurol BT: estratto di oliva, lenitivo. Non credo si trovi in commercio, omissibile
Trimetilglicina: idratante e umettante.
Nano-liposomi antioxidant: avrei voluto usare liposomi ad hoc, ma non avendoli trovati e utilizzando questa crema anche durante i primi caldi ho pensato di metterci un ingrediente antiossidante. Ovviamente sostituibili da liposomi idratanti o altri lenitivi.

post2

Come scrivevo sopra la crema è abbastanza pesante per il mio tipo di pelle, si fa sentire e mi fa scomparire immediatamente le screpolature. E’ corposa da barattolo, si spalma bene, non frena e va massaggiata qualche secondo prima di essere assorbita completamente.
Con un uso continuativo ho notato il diminuire del prurito e le zone più secche sono tornate normali. L’ho utilizzata anche come contorno occhi in un momento di disperazione trovandola molto buona.
Non la uso di giorno spesso di giorno perché tende a farmi lucidare, l’unico modo in cui riesco ad usarla è come base al fondotinta minerale, restando un po’ appiccicosa lo fissa bene e non mi lascia la fronte lucida dopo poco tempo.
In questo periodo la sto usando quasi solo come crema da notte, associata ad altri prodotti, una volta finita credo aspetterò i primi freddi per spignattarla.

È un prodotto che mi ha dato e mi sta dando tante soddisfazioni, se cercate una crema lenitiva penso possa fare al caso vostro, rivedendo la cascata credo possa essere formulata anche per una pelle grassa o con molte imperfezioni.

Spero che la ricetta vi sia piaciuta, alla prossima ^_^

Crema detergente Riso e Mango

Ciao! Vi avevo scritto in precedenza che avreste visto il GC-Derm all’opera in altri prodotti, questo è davvero semplice, ma mi piace ed è il latte detergente che sto usando nell’ultimo periodo e che probabilmente abbandonerò solo con l’arrivo dei primi caldi. Caldi veri, non quel maggembre che ci stiamo godendo da qualche settimana :D
Quest’inverno usavo questo, più leggero, infatti finita la gigantesca dose che ho fatto per questa ricetta tornerò a quella formula rimaneggiandola un po’.

DSCN0128

Fase A
Acqua a 100
Glicerina 5
Glicole propilenico 4
Carbopol ultrez 21 0.20
Gomma xantana normale 0.2
Fase B
GC-Derm 3
Alcool cetilico 1.5
Olio di riso 15
Fase C
Phenonip 0.5
Estratto di calendula CO2 0.1
Bisabololo 0.5
Colorante rosso in gel 1gt
Fragranza 0,5 divisa in: Tropicana manske/Vaniglia GC/Neroli GC/Mango GF/OE mandarino

Come si fa?

La realizzazione è semplice, ho diviso l’acqua 1/3 per il gel di xantana predispersa nella glicerina e 2/3 per idratare il carbomer, unito i due gel, aggiunto il glicole propilenico e messo il becher a bagnomaria con la fase grassa.
Quando entrambe le fasi hanno raggiunto la temperatura idonea all’emulsione ho versato la fase grassa dentro quella acquosa in due tempi, frullando e mescolando. Ho spatolato fino a raffreddamento.
Ho controllato il pH e l’ho alzato con un paio di gocce di soluzione di soda.
A emulsione fredda ho aggiunto la fase c, l’estratto di calendula lavorato bene e a lungo nel bisabololo, il conservante e la fragranza.
Nel giro di qualche giorno addensa e diventa una crema da barattolo o tubo, molto lucida.

Ingredienti e sostituzioni:
Sono pochi ingredienti e di base, che dovreste avere tutti.
Mi sono dimenticata l’allantoina, se l’avete vi consiglio di aggiungerla in fase A, è un buon lenitivo dal prezzo contenuto.
Bisabololo: lenitivo, in un latte detergente può fare molto comodo ma non è indispensabile.
Il glicole propilenico si può abbassare o togliere, io ho notato che la differenza tra il metterlo e il non metterlo si sente e il latte strucca meno. Però è pur sempre un solvente e non fa benissimo, quindi non è indispensabile. Se al posto dell’estratto CO2 usate un estratto glicolico abbassate o omettete il glicole propilenico (es. 2 di estratto e 2 di glicolico).
Estratto CO2 calendula: Odi et amo. Lo sto usando in questo genere di prodotto perché funziona ma colora la crema in modo orrido. Non ha un odore fantastico e in più costa abbastanza, se non l’avete omettetelo o sostituitelo con un altro lenitivo.
Il sistema emulsionante si può cambiare, al posto del GC-Derm si può utilizzare l’Olivem 1000 o simili, e al posto del cetilico il cetilstearilico. Volendo si può anche fare una formula standard metilglucosio sesquistearato 3 e cetilico in base alla densità che volete dare alla crema. Considerate che il GC-Derm da prodotti molto “ricchi” quindi sostituendolo potrebbe venire un prodotto più leggero.
Ho inserito il cetilico così alto per avere una crema da barattolo, abbassandolo a 0.5 e senza il carbomer dovrebbe venire un latte molto denso.
Se usate il latte sugli occhi usate un olio che siete sicuri non vi bruci. Io mi trovo bene quasi solo con il riso, altri oli posso usarli a percentuali minori. Si può fare un mix di riso, ottildodecanolo e etilesil stearato, il latte verrà più leggero.
La profumazione che ho scelto è tropicale, prevale il mango ed è davvero molto, molto stucchevole :D Profumatelo come volete, ma con accortezza, non utilizzate OE irritanti e non eccedete con le fragranze, il viso è una zona delicata e gli occhi potrebbero non gradire. In più, per esperienza personale, un prodotto molto profumato dall’uso quasi giornaliero sul viso dopo un po’ annoia e passa la voglia di usarlo.

Con questo latte ci strucco più o meno tutto e bene, fondotinta siliconico, eyeliner e mascara waterproof vengono via, rimane un velo sotto l’occhio che tolgo con l’acqua micellare. Posso lavorarlo un po’ di tempo sugli occhi e non brucia. L’unico mascara che non riesce a struccare e un waterproof Sephora, ma ho difficoltà a struccarlo anche con commerciali e olio. Non strucca bene neanche i Fluidline Mac utilizzati all’interno degli occhi, li scioglie a fatica e vista la zona struccarli non piacevolissimo. Utilizzati come eyeliner invece li rimuove tranquillamente.
Mi ci trovo bene, ma arrivando dall’altro che era praticamente acqua lo sento un po’ pesante, quindi sento la necessità di lavarmi il viso abbastanza rapidamente. Se al posto dei dischetti di cotone uso uno spugnetta la situazione migliora notevolmente e sento la pelle meno appesantita. Ad ogni modo lavo sempre il viso con un detergente dopo averlo utilizzato, se mi trucco utilizzando siliconi e simili uso il detergente Menta e Geranio, se uso un trucco total minerale mi basta il simil Buche de Noel.
Non brucia gli occhi e non li lascia “velati” dopo l’uso, però questo è molto soggettivo.

Visto il caldo alle porte ora lo consiglierei solo a pelli mature, secche o normali, non occlude i pori e non fa uscire roba strana, ma lo trovo molto ricco e quindi adatto a chi ha bisogno di una crema detergente confortevole e “coccolosa”.

E voi che genere di prodotti preferite per struccarvi? Usate qualche latte spignattato?

Spero che questa ricetta vi sia piaciuta, alla prossima!

Atollo 13 – Docciascrub

Questo era uno dei prodotti che avevo in lista da provare da un po’. Sono riuscita a prenderlo e all’uso l’originale mi ha dato qualche problema. Il mio non era densissimo, mezzo dito di docciaschiuma sopra e il sale sotto, sicuramente meno delle duemila foto che ho visto su Google.

DSCN0117

Ho ovviato alla liquidità aggiungendo sale fino ad ottenere una consistenza densa, da quel momento ci siamo pacificati. Non essendo veramente un gel basta comunque mezza goccia d’acqua a ricreare la pozza malefica in superficie.
Ecco quindi la ricetta rivisitata da me, un po’ più dolce, tamponata e in gel.

Acqua a 100
Glicerina 7
Gomma xantana normale 0.5
SLES 20
Lauryl glucoside 5
Sodium Cocoamphoacetate 5
Cocamidopropyl betaine 7
Colorante blu in gel 3gtt
Profumazione: 2 (Mimosa/neroli/violetta/limone)
Sale qb

Ricetta bruta per chi non spignatta: due cucchiai di detergente, sale a densità desiderata. Ne ho fatta una microdose con un cucchiaino di Regina di Rose e AWWW.

Come si fa?

Ho disperso la gomma nella glicerina e ci ho versato sopra l’acqua, mescolando per formare il gel. Ho unito i tensioattivi, uno alla volta mescolando, frullando dopo l’aggiunta della betaina.
Ho colorato e aggiunto il sale, una vagonata di sale, per 100gr di detergente e ottenere una consistenza densa ne ho aggiunto circa mezzo chilo.
Il mix di tensioattivi è una base detergente che uso spesso, di solito aggiungo anche un surgrassante e proteine, in questo caso ho provato ad attenermi il più possibile all’originale. Si può omettere il lauryl (non è presente nell’originale) o sostituirlo con un altro glucoside. Ricalcolate sempre la SAL se cambiate un tensioattivo in ricetta.
Non ho messo conservante vista la percentuale abnorme di sale.

DSCN0115

Cosa ne penso?
Il prodotto è un po’ diverso dall’originale, la consistenza è quella di una pasta gellosa, non fa molta schiuma e scrubba bene a patto di mettere davvero tanto sale. Questa versione non è male se non l’avete mai provato o avete avuto i miei stessi disguidi e non vi disturba abbandonare la fragranza. Se siete fedelissimi alla versione della bottega potreste non trovarvi.
A me non fa impazzire, al pari dell’originale non ho capito quanto debba lavare e quando scrubbare, quindi proprio non mi ci trovo. Non mi secca la pelle in modo disturbante, ma dopo l’uso ho bisogno di una crema idratante. Preferisco di gran lunga Ocean Salt, lo trovo un po’ più delicato.
I consigli d’uso sono quelli standard per gli scrub, non utilizzarlo spesso e usarlo solo su cute integra.

Voi avete mai usato questo prodotto? Come vi siete trovate?

Spero che la ricetta vi sia piaciuta, alla prossima ^_^